Utente 325XXX
Gentile Dottore ,

in Agosto 2013 sono stato sottoposto intervento chirurgico di sfinterotomia anale laterale sinistra per una ragade anale cronica .
La cartella clinica dice ;
- anestesia locale assistita , praticata dal chirurgo in campo sterile ( non ricordo niente , sono stato addormentato ,penso con anestesia generale )
- Tudazolam ( 2 mg ev ) , Propofol ( 80 mg ev ) .
- mascherina per ossigeno
- durata intervento 15 minuti

In Agosto 2014 , dopo 1 anno , ho avuto una convulsione con spasmi e con perdita di coscienza di circa 20 minuti , la sera a letto , mi ha visto per caso mia madre , penso sono possibili altre convulsioni la sera o notte , che non sono state viste da mia madre , siccome mi sono svegliato quella sera , quasi normalmente , non avevo sintomi di malessere e non ricordavo niente delle convulsioni ,
sempre la cartella clinica dice , complicanze rare anestesia , ( convulsioni )

Gentile Dottore , le chiedo ;

- è possibile dopo 1 anno dall' anestesia , avere una convulsione come la mia

- se conosce altri casi come il mio , di pazienti che hanno convulsioni per l'anestesia

- la mia è stata anestesia e non una sedazione , se mi conferma .

La ringrazio tanto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buon giorno, da quanto ci riporta della cartella clinica dell'intervento la sua non è stata una anestesia generale ma una sedazione profonda, non è stato intubato ma assistito con O2 (ossigeno) in maschera.
Non mi sono capitati ne ho letto nulla su "convulsioni dipendenti da una anestesia" a distanza di un anno e sinceramente non mi sembra possibile. Non ho inoltre compreso su quale cartella sia scritto ciò: "...sempre la cartella clinica dice , complicanze rare anestesia , ( convulsioni ).
Ciò che ha osservato sua madre sarebbe comunque meritevole di approfondimento diagnostico rivolgendosi innanzi tutto al suo medico.

Saluti