Utente 150XXX
dalla sospensione della vendita del Corgard non mi è stato ancor trovato un betabloccante sostituto che abbia influenza sul ritmo cardiaco che da 50 p/m è passato a frequenze anche di 100 p/m.
il risultato già 3 fibrillazioni;
Esiste qualche altra strada per un paziente tachicardico e sofferente di fibrillazioni

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
ha provato con altre molecole della stessa classe?
[#2] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

Oltre alla classe dei beta bloccanti (immagino che comunque ne abbia già provati alcuni se dice che non si è ancora trovato un beta bloccante che abbia influenza sul suo ritmo cardiaco), esistono altre classi farmacologiche capaci di rallentare un ritmo troppo veloce e che prevenga ulteriori episodi di fibrillazione atriale (per esempio i calcio antagonisti o altri antiaritmici di classe I od altri ancora). Tuttavia ognuno di questi farmaci ha una prorpia precisa indicazione e alcune condizioni che ne controindicano l'uso e pertanto tali farmaci dovrebbero essere prescritti solo dopo accurata visita cardiologica, con esecuzione di un elettrocardiogramma ed un eventuale ecocardiogramma se necessario.

A disposizione per ulteriori consulti