Utente 119XXX
Mia madre ha 80 anni. Soffre di dolori alla schiena e alle gambe dovute ad ernie a disco della colonna vertebrale, zona lombare. Mia madre soffre anche di cervicale e artrosi deformante. Se può interessare, ha anche una gammopatia a parere dell'ematologo, innocua. Da un po' di tempo dorme sul fianco destro senza cambiare mai posizione durante la notte, per via dei dolori. Da qualche giorno accusa un dolore in direzione della scapola dx, sotto e attorno ad essa, che si irradia sotto l'ascella, sotto il seno dx fino ad arrivare alla "bocca dello stomaco" e allo sterno, proprio in un punto accanto al seno e sotto di esso nella parte anteriore. E' un dolore che si sposta e si localizza in una delle parti sopra descritte. Il fatto strano è che si trasforma in bruciore forte. Avverte pertanto la sensazione di dolore e poi di intenso bruciore nella regione della scapola, all'ascella e al seno dx e sotto di esso.
Sotto la zona della scapola c'è da molto tempo un rigonfiamento che i medici hanno definito un accumulo di grasso che non va toccato. Non è però dolorante.
Il tutto è iniziato con un dolore al braccio destro che partiva dalla spalla.
Adesso però il braccio non è interessato dal dolore e dal bruciore sopra descritto.
In questo momento la mamma ha la tosse con muco senza febbre che sta curando con antibiotico per prevenzione. Ha preso, infatti un colpo d'aria ed è raffreddata. I sintomi sopra descritti però sono comparsi molto prima rispetto all'influenza.
Io vorrei sapere cosa può avere mia madre e se è necessario effettuare accertamenti ed esami. Sono abbastanza preoccupata.
Grazie per l'attenzione e per l'aiuto che mi darete, come sempre.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Difficile poter stabilire esattamente di cosa potrebbe trattarsi.
In questi casi è utile un consulto del chirurgo della spalla.
Probabilmente potrebbe essere una patologia della spalla (infiammatoria, degenerativa, legamentosa, ecc.) che andrebbe studiata con opportuni esami strumentali che indicherà lo specialista.
Il mio consiglio è quello di approfondire tale sintomatologia.
Auguri