Utente 260XXX
Gentili medici, sono istruttore di nuoto di 28 anni, bradicardia con incontinenza del cardias e quindi in cura con pantoprazolo. Quest oggi sono entrato in vasca e l acqua era fredda e dopo aver fatto un paio di immersioni fino al fondo della piscina per giocare con i bambini sono riemerso e mi sentivo strano.. Da quel momento in poi ho avuto il cuore in concerto per una abbondante mezz'ora, con aritmia continua che mi dava raramente momenti di tregua. Ho notato inoltre l acuirsi della vibrazione che ho all interno piede sinistro da una settimana (probabilmente dovuta allo stress) è un forte reflusso e senso di nausea in quei momenti. Ora dopo aver fatto pausa il cuore si è normalizzato ma la vibrazione rimane. Avendo sofferto di ansia e di extrasistolia non sono spaventato poiché negli ultimi anni ho svolto numerosi accertamenti (eco, ecg ed ecg sotto sforzo) tuttavia vi chiedo: quale può essere il motivo di questa crisi che, ammetto, mi ha spaventato? Può essere legato alla digestione visti i sintomi provati? O alle immersione?

Chiedo scusa per il consulto futile, ma vi ringrazio per il prezioso servizio che fornite
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I disturbi che lei segnala possono essere messi in relazione alla brusca riduzione della frequenza cardiaca per l'immersione in acqua fredda. (sindrome da idrocuzione)
Nulla di preoccupante

Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore per la pronta risposta.. Il mio medico di base sospettava ipocalcemia e mi ha fatto eseguire le analisi del sangue (ma è in ferie e non posso fargliele vedere)..

Gli unici valori fuori norma sono:

Mpv 7,5 fl
Bilirubina totale 2,43 mg/dl
Bilirubina diretta 0,70 mg/dl
Creatinchinasi 223 u/l
Vitamina D 27,4 ng/dl

Domani devo partecipare a una manifestazione sportiva e vorrei qualche ulteriore rassicurazione sulla base di questa analisi visti i continui tremori al piede e fastidi al petto.

La ringrazio nuovamente
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gli esami da lei indicati portano una aumento della bilirubina indiretta, come si osserva nella sindrome di Gilbert, anche se è opportuno che lei esegua certamente epatici ed ematologici.
Arrivederci