Utente 235XXX
Salve,il problema interessa la zona del petto e non so se il cuore c'entri qualcosa o sia solo una reazione di riflesso, è circa da febbraio che saltuariamente sento dei battiti strani del cuore, inizialmente i classici sfarfallamenti legati ad aritmie, la cosa avveniva parecchio di rado ma mi ha portato una certa sensazione di ansia.
Ho sperato che passasse dopo pochi giorni, ma visto il perdurare (dall'iniziale sfarfallio è poi cambiato, come una sorta di tonfo del cuore, dura un istante e poi non avviene più nell'arco della giornata) mi sono rivolto ad un cardiologo.
Questi non ha trovato nulla di anomalo, applicandomi anche un holder per 24h senza trovare nulla di preoccupante, anche le analisi del sangue sono risultate nella norma. Stranamente i sintomi sembrano scomparire per settimane e poi riapparire nuovamente: a volte ho come la sensazione che il cuore smetta di battere o si rallenti, oppure come se lo sentissi "cadere" letteralmente, la cosa dura una frazione di secondo, poi le ore successive al sintomo ho sempre la sensazione che questo tonfo sia sul punto di ripetersi ed invece non accade più, le sensazioni che però restano sono:
- un piccolo groppo in gola (cerco di tossire forte come a voler cacciare qualcosa), sembra una leggerissima asma pur respirando regolarmente;
- una sensazione di irritazione della vena arriva fino alla parte sinistra della gola (la giugulare penso), tale arteria è un pò il termometro della situazione perchè la sento come fosse indolenzita ed iper sensibile, quasi ci sentissi passare l'aria all'interno ed arrivare fino alla gola (è complicato da spiegare).
E' costante il fastidio che mi turba in quanto perdura quella sensazione che potrebbe sfociare in un nuovo "tonfo del cuore", cosa che però non avviene più se non magari il giorno dopo (o settimane dopo).
Le preoccupazioni sono legate alla durata da cui avvengono (ormai 6 mesi) ed all'ansia che ne generano essendo legate al cuore, o potrebbe solo essere un riflesso di altro problema che riguarda il petto, specifico alcune cose:
- corporatura normale, nè obeso o grasso
- mai fumato, non bevo caffè, raramente alcolici, mangio regolare
- ho svolto attività sportiva da giovane, vado a correre regolarmente 3 volte a sett. (senza mai alcun problema nè di affaticamento o altri sintomi preoccupanti).
Tale sensazione di scompenso (esclusa anche la tiroide, dalle analisi i valori risultano nella norma) non provoca svenimenti o cali di pressione.
Ho sofferto di asma forte da bambino a causa del petto un pò incavato, si è supposto che una delle ossa potesse urtare la zona coronaria e dare fastidio, da qui il dubbio che sia un problema di postura avendo portato l'apparecchio dentale per circa 4 anni (dai 38 anni fino a pochi mesi fa), da gennaio sostituito da un app. mobile che porto solo la notte.
E' come un tumulto o una scossa al petto che sembra debba sfociare prima o poi in un nuovo "tonfo o battito anomalo" del cuore, una radiografia può aiutare?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
lei non ha alcuno scompenso cardiaco .... le sue sono probabilmente banali extrasistoli che le creano ansia, ma se è stato valutato da un cardiologo e ha fatto anche un ecocardiogramma, può stare tranquillo. Sappi che una buona fetta della popolazione sana ne soffre, ma questo non significa che il cuore sia ammalato. La negatività dll'Holter non ha significato perchè se non si manifestano durante le 24 h di registrazione non significa che non ci sono.
Saluti cordiali