Utente 562XXX
Buongiorno Dottori, sono un ragazzo di 28 anni e faccio palestra. Due anni fa feci una forte contrattura alla schiena in zona lombare. Venne scoperta però una protrusione in T 12 L 1, zona non compatibile con il dolore del trauma di quella volta. Ora però mi è capitato giorni fa, che , sollevando un peso da piegato in avanti, ho sentito una fortissima fitta in centro schiena, direi proprio dove si trova la protrusione T 12 L 1 ( che finora non mi aveva mai fatto male in quella zona), tanto da dovermi accasciare a terra e stare fermo disteso per ben mezz'ora poichè se tentavo di alzarmi il dolore era molto intenso. Con fatica mi sono alzato e sono stato al ps dove mi hanno fatto lastre negative e due punture di miorilassanti. Prescritto di prendere miotens punture che sto facendo da due giorni e oki o gladio. Ora il dolore è ancora molto forte sopratutto se faccio torsione mi chino o mi stiro, sto bene diciamo solo da fermo. Il mio consulto è questo: vista la zona potrebbe essere una contrattura o un'ernia successiva alla protrusione gia esistente ? Premetto che il dolore è praticamente solo sul punto centrale, cioe non lateramente ma proprio sulla colonna. Non ho parestesie ne altro agli arti ( a meno che il miotens non nasconda momentaneamente questi segni e sintomi). Io temo che sia un'ernia vista gia la protrusione però mi è stato spiegato che in zona T 12 L 1 è molto difficile che diventi ernia poichè è in zona dorsale. Io però mi sono chiesto, vero che è zona dorsale ma c'è anche una parte lombare (L 1) quindi forse non è cosi raro come le ernie prettamente dorsali?
Inoltre potrebbe altrimenti essere "peggiorata" la protrusione preseistente?
Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Cosa "potrebbe" essere successo non potremo mai saperlo facendo delle ipotesi senza la visita diretta e quegli accertamenti che si rivelassero necessari in base al quadro clinico emerso. Il passaggio D12-L1 è una possibile sede di ernia discale proprio perché rappresenta il confine tra un tratto più rigido (il rachide dorsale) e un tratto molto più mobile (il rachide lombare). Se già era presente una protrusione non si può escludere che essa sia peggiorata o che sia evoluta in un'ernia del disco. Le suggerisco di farsi visitare da un ortopedico, meglio ancora se esperto in chirurgia vertebrale, per una valutazione della colonna. Nel caso che al termine della visita lo specialista prescrivesse un accertamento, ricordi che una volta fatto l'esame dovrà mostrarne le immagini (e non il solo referto!) allo stesso specialista perché completi con esse la visita e decida il da farsi : se vorrà potrà chiederci delle delucidazioni su quanto scritto nel referto ma Le ricordo fin da ora che qualsiasi accertamento radiologico serve esclusivamente al medico che l'ha prescritto per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta, per cui non sarà possibile fare la diagnosi, decidere la gravità del caso, dare suggerimenti, prescrivere terapie ecc solo leggendo un referto, senza vedere le immagini, senza sapere nulla del quadro clinico ma soprattutto senza averLa visitata. Nell'attesa stia a riposo, ed eviti di testare da solo l'evoluzione flettendo o estendendo la colonna.
Cordiali saluti