Utente 145XXX
Salve,
Vi scrivo perché sono molto preoccupato per mia madre donna di 57 anni
2 Mesi fa si è sottoposta ad un intervento per la rimozione di calcoli biliari alla colecisti.
Durante gli esami se deciso di rimuovere anche quest'ultima perché un pò danneggiata.
A distanza di 2 mesi in questi ultimi giorni mia madre ha accusa dei forti dolori all'addome, e alla schiena. Ci siamo recati al pronto soccorso dove gli e stata diagnosticata una pancreatite.
Siamo rimasti 3 giorni interi sottoponendo mia madre a continui lavaggi, per far si che i valori di amilasi/lipasi potessero scendere.
Pensavamo che dopo l'intervento cose del genere non potessero accadere, o meglio almeno non a distanza di 2 mesi visto che 85% dei casi di pancreatite viene causata dai calcoli.
Per non andare allo sbaraglio cosa si consiglia fare?

Vi ringrazio in anticipo.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo
24% attività
8% attualità
12% socialità
RICCIONE (RN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
capisco la preuccupazione per sua madre.
Prima cosa la calcolosi della colecisti si tratta sempre con la colecistectomia (si deve sempre portare via la colecisti con i calcoli che contiene). Penso che l'intervento sia stato eseguito in laparoscopia e cosa che non specifica se è stata sottoposta anche a colangiografia intraoperatoria.
Sua madre che valori di lipasi ha raggiunto? [è stata una vera pancreatite? o solo uno screzio pancreatico?] La bilirubina è più alta della norma? [e se più alta, sia quella totale che quella diretta?].
Sua madre soffre di altre patologie, assume farmaci, è stata attenta alla dieta? E' in sovrappeso?
Vede sono tantissime le cose da sapere per poter dare un consiglio corretto ma credo che il miglior consiglio sia quello di fare valutare il tutto e far visitare sua madre da un professionista.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
Secondo un esperto mia madre se sottoposta ad Colangio RM.
L'esito e il seguente:

L'esame RM addome superiore eseguito con sequenze T2w assiale e colangio RM senza somministrazione di m.d.c. ev ha mostrato:

Regolare per decorso e calibro l'albero biliare intraepatico senza evidenti imagini litiasiche nè dilatazioni di tipo patologiche.
Colicisti ablata. Coledoco regolare per decorso e calibro specie e sede distale.
Via biliare principale dilatata nel tratto pre biforcazione con Dt di 6mm come da compressione abestrinseco a partire dalla testa pancreatica.
Wirsungectasico ed a decorso tortuoso nel tratto corpo-coda.
Pancreas in sede con prevalenza volumetrica della testa che mostra Dt max di 34mm e aspetto involuto del tratto corpo-coda; a carico del parenchima della regione cefalica si reperta formazione cistica di 14x13mm; il reperto descritto appare meritevole di integrazione clinico-specialistica e con esame Rm anche dopo m.d.c ev.

Fegato volumetricamente nei limiti ad intensità di segnale disomogenea per evidenza nel II segmento di grossolano nodulo disomogenea iperintenso in T2 ed ipo in T1 di circa 39mmDT, da riferie ad angioma analoga più piccola formazione a carico del VI seg.
Microcisti diffuse nel V, VII, e II segmento.
Milza e surreni nei limiti.
Reni in sede, morfovolumetricamente nei limiti senza dilatazione delle cavità escretrici bilateralmente.
Assenza di significative tumefazioni dellle tazioni linfoghiandolari retrocrutali, celiache, mesenteriche ed intercaparaortiche.

Voglio ringraziarla in anticipo per la sua disponibilità e professionalità

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo
24% attività
8% attualità
12% socialità
RICCIONE (RN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014

Come ben descritto nel referto della risonanza, eseguita da sua madre, è stata riscontrata una cisti di piccole dimensioni (appena superiore al centimetro) della testa del pancreas.

Nello stesso referto viene precisato che dovrà effettuare una colangio RM con mezzo di contrasto (m.d.c.) per definire di che natura è questa cisti.

Concordo appieno con l'attuare questo ulteriore accertamento.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
la ringrazio per la tempestiva risposta.
Provvederemo subito a sottoporci ad una Colangio RM con mezzo di contrasto.
C'e da preoccuparsi?
Una cisti può definirsi un tumore?

Grazie

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo
24% attività
8% attualità
12% socialità
RICCIONE (RN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Formazione cistica è un termine generico (e proprio per questo meritevole di approfondimento)
saluti