Utente 109XXX
Salve
faccio presente di aver inviato anni fa un quesito simile, ma ci sono degli aggiornamenti circa gli esami fatti. Ho extrasistole da molti anni giudicate benigne con Holter ed ecg da sforzo. Questi ultimi due esami che ho ripetuto recentemente hanno dato come risultato un sottoslivellamento del tratto St maggiore di 1 mm al punto che il cardiologo mi ha fatto fare una scintigrafia miocardica con risultato negativo. Alla ecocardio risultano leggeri prolassi di tutte le valvole. Ho questi episodi di dispnea che esordisce con stordimento vertigini e dura anche diverse ore. Ultimamente gli episodi sono semore più frequenti e duraturi. La notte non riesco quasi a dormire. Gli altri inferiori e l addome non risultano gonfi.Rx torace negativa con trama broncovasale molto fitta. Devo pensare ad una insufficienza cardiaca?? Avete suggerimenti circa ulteriori esami che dovrei eseguire? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, se non l'ha già fatto un ecocardiogramma è comunque un'indagine importante ai fini della stratificazione diagnostica....Poi occorre ben valutare se sia necessario approfondire il tutto anche sul versante coronarico con una eventuale coronarografia, ma questo deve deciderlo il suo cardiologo di fiducia.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Ringraziandola per la risposta, le rispondo a mia volta dicendole che l'eco color doppler cardiaco aveva evidenziato una leggera insufficienza valvolare mitralica e tricuspide definite non indicative di rigurgiti patologicamente significativi . La scintigrafia miocardica negativa non esclude la presenza di una ischemia? Avevo dimenticato di scrivere che spesso la dispnea arriva dopo aver parlato molto come se fosse il risultato di uno sforzo. Per ciò che riguarda l'holter le aritmie registrate sono in parte sopraventricolari e in parte ventricolari. Nessuno però ha mai dato molta rilevanza alla cosa.