Utente 228XXX
Buongiorno, mio padre ha subito un infortunio 14-15 anni fa dove si è schiacciato 2 vertebre (L1); ogni tanto ha dei dolori alla schiena ed ha un busto che lo aiuta a sorreggere.
E' capitato che avesse episodi molto dolorosi, ma poi passati con cura di punture e una volta anche con flebo al pronto soccorso, poi la cosa siè sempre risolta nel giro di qualche giorno.
Questa volta ha avuto dolore dalla settimana scorsa, trattato con normali analgesici, ma senza risultati; domenica scorsa è andato al pronto soccorso per un dolore insopportabile che non consentiva di stare dritto in piedi, che si prolungava anche alla gamba sinistra.
E' stato sottoposto e tre punture e rimandato a casa; il lunedì ha proseguito con la terapia dell'ospedale, ma lunedì notte ha avuto ancora un dolore fastidiosissimo tanto da accedere nuovamente in pronto soccorso, dove gli hanno fatto i raggi e flebo con cortisonici e analgesici, ed un altro flebo di tachipirina prima di essere dimesso. Lo ha visitato anche un ortopedico che ha riferito che dai raggi risultano le vertebre schiacciate ed è possibile si sia fatta un'ernia, da verificare dopo la terapia prescritta con una risonanza magnetica.
La terapia prescritta dall'ortopedico è: puntura mattina di bentelan 4 mg (x5 gg poi x altri 10 gg a giorni alterni) e una di nicetile (x10 gg), cerotto ibupas per 7 gg, puntura la sera di nicetile, 1 pastiglia di lyrica prima di dormire la sera per 1 mese e terminati i 10 gg di punture di nicetile dovrà prendere trofigard compresse x 2 mesi.
Oggi è il terzo gg di terapia come sopra prescritta e non ci sono benefici.
E' possibile che ci sia un'altra patologia per avere un dolore così forte?
Non è possibile fare comunque la risonanza magnetica durante la terapia?
La notte non dorme, si lamenta in continuazione, riesce solo a stare sdraiato su un fianco e si muove in continuazione, non trova una posizione.
Mangia a fatica, sia per il poco appetito che perchè non riesce a stare seduto sulla sedia.
Qualcuno mi può dare qualche consiglio?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Vedo solo ora la Sua richiesta e probabilmente ha già risolto, ma se il dolore persiste, e in maniera così importante, è opportuno approfondire le indagini. Occorre capire se il dolore è dovuto a problemi discali o se ci sono altre cause di compressione (infiammatorie, infettive, ecc) ,visto che la terapia cortisonica non sembra aver dato evidenti vantaggi.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno la situazione purtroppo si è tutt'altro che risolta. Oggi stesso verrà sottoposto ad un elettromiografia alle gambe e dopo la risonanza magnetica che ha riscontrato 2 ernie e altre complicazioni l ortopedico ha suggerito l'intervento chirurgico che verrà fatto entro fine mese.
ringrazio per la risposta saluti