Utente 843XXX
Salve a tutti e grazie x l'attenzione che sicuramente mi dedicherete!!

Ecco il mio problema: ormai una settimana fa, è successo che durante un rapporto (con lei posizionata sopra di me) abbiamo sentito un forte rumore simile ad uno schiocco di dita, ma da parte mia non ho sentito quasi alcun dolore.
La cosa che subito mi è balenata per la mente è la possibilità di una frattura del pene (magari anche solo parziale qualora ciò fosse possibile),tuttavia il rapporto è proseguito praticamente senza alcun problema e sia l'eiaculazione successiva che le normali funzioni urinarie nei giorni seguenti non mi hanno causato nemmeno il minimo fastidio.

La mia preoccupazione xò riguarda il fatto che dal giorno seguente e fino ad oggi il pene mi provoca un leggero dolore anche solamente toccandolo e presenta (in erezione) un rigonfiamento nella parte che credo si sia flessa al momento dello "schiock" che ho sentito, nei rapporti successivi poi ho notato che neu movimenti un pò + bruschi sento fastidio e mi sembra che il pene tenda di nuovo a flettersi.
Questa flessione è poi facilitata dalla leggera incurvatura verso destra che ho sempre avuto ma che fino ad adesso non mi ha mai dato problemi.

Tuttavia il pene non presenta e non ha mai presentato segni di ematomi e nemmeno il minimo arrossamento, ho quindi dato il giusto peso all'accaduto pensando fosse solo questione di tempo... adesso però sto iniziando a preoccuparmi!!

La mia domanda è quindi se fosse possibile che sia comunque avvenuta tale frattura e cosa a questo punto dovrei fare in proposito, visto che continuo regolarmente ad avere rapporti anche se presento i disturbi descritti e talvolta mi sembra di non avere un'erezione massima.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
l'ipotesi sulle cause del suo problema particolare da lei fatta potrebbe essere corretta ma a questo punto bisogna, prima di arrivare a conclusioni cliniche e diagnosi troppo affrettate, consultare, senza perdere altro tempo, un esperto andrologo e con lui iniziare un mirato iter diagnostico per verificare la sua reale situazione clinica e poi impostare le successive, eventuali strategie terapeutiche.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 843XXX

Iscritto dal 2008
Innanzi tutto grazie per l'edtrema rapidità della sua risposta!!

Si, lei ha perfettamente ragione ma io sono molto preoccupato e quindi intanto (in attesa di una visita da un andrologo) sapere se mi posso tranquillizzare abbastanza oppure no... lei che dice potrei aver davvero riportato un danno oppure vista la mancanza di ematomi e particolari dolori può essere soltanto questione di tempo per ill ritorno alla normalità??
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
è difficile fare una prognosi sicura per via telematica . Comunque, da quello che ci scrive, è più facile che la seconda ipotesi prognostica, da lei indicata, sia quella che si verificherà.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemedra.com
www.andrologiamedica.org
[#4] dopo  
Utente 843XXX

Iscritto dal 2008
Grazie ancora dottor Beretta, ma purtroppo non ho capito molto la sua risposta... lei dice che è più probabile che non sia successo niente di grave oppure pensa ci sia stata una "frattura"??
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
prima ipotesi: " potrei aver davvero riportato un danno";
seconda ipotesi: " vista la mancanza di ematomi e particolari dolori può essere soltanto questione di tempo per il ritorno alla normalità".
A lei la conclusione sulle mie considerazioni.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemedra.com
www.andrologiamedica.org
[#6] dopo  
Utente 843XXX

Iscritto dal 2008
Adesso ho capito, scusi l' "ignoranza" ma sono davvero preoccupato... grazie per l'attenzione e la comprensione!!
Domani o la visita dall'urologo, le farò sapere... grazie ancora!!
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene , attendiamo!
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#8] dopo  
Utente 843XXX

Iscritto dal 2008
Salve dottore, ieri sono stato dall'urologo... mi ha detto di non preoccuparmi perchè non è successo niente di grave, i corpi cavernosi e il tendine sono in perfetto stato!!
L'unica cosa riscontrata visitandomi e poi con l'ecografia è un infiammazione della guaina che riveste i corpi cavernosi (non ricordo il nome preciso), guaribile in una decina di giorni ancora... mi ha anche prescritto Essaven Gel x una settimana, da applicare una volta al giorno.
Sono molto sollevato, lei che ne pensa??

Cordiali saluti e sentitissimi ringraziamenti!!
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
in funzione di quello che le è stato riscontrato a questo punto penso che bisogna seguire attentamente le indicazioni ricevute dal suo urologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com