Utente 268XXX
Salve, vorrei porvi una domanda tecnica sul funzionamento del PM bicamerale.
Prendiamo ad esempio un bradicardico con 40 Bpm, tecnicamente un PM tarato a 60 bpm come agisce? Invia l'impulso solo per i restanti 20 battiti oppure invia comunque 60 impulsi andando a coprire anche i battiti naturali?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Iacopo Ciccarelli
24% attività
4% attualità
12% socialità
URBINO (PU)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Il pacemaker stimola (in caso di dispositivo bicamerale) sia la camera atriale che quella ventricolare ad una frequenza minima (in questo caso) di 60/m'. Se l'attività elettrica atriale ha una frequenza di scarica intrinseca > 60/m' il PM viene inibito ed all'elettrocardiogramma di superficie verrà rilevata l'attività spontanea. Analogo discorso per la camera ventricolare. Cordiali saluti.