Utente 725XXX
Salve a tutti,
mio suocero di anni 63 da 3/4 anni soffre di fibrillazione atriale e tachicardia atriale sn persistente nonostanteablazione transcatetere con isolamento delle vene polmonari e cve esterna,pregressa commissuritomia mitralica.30 anni fa commissurotomia mitralica,nel 2003 episodio di fibrillazione atrialeparossistica,nel 2004 episodio di flutter atriale ,2004 sef ed ablazionedi tc e ivc-at,tra il 2005 e 2006 diversi episodicardiopalmo,una settimana fa veniva sottoposto al trattamento dell'aritmia mediante ablazione atriale sn,viene dimesso ma persiste tachicardia atriale sn 2:1,fc82bpm .terapia almarytm,diltiazem,coumadin,clexane.sembra che ora si vuole intervenire sulla mitralica,dilatata.. Voi cosa ne pensate?possiamo fare altro?
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
Se sulla base dei sintomi e dell'ecocardiogramma, c'è indicazione ad un reintervento cardiochirurgico (per insufficienza mitralica o restenosi mitralica), conviene, nel corso dell'intervento, eseguire anche l'ablazione della FA con radiofrequenza (sempre se non esistano controindicazioni, tipo eccessiva dimensione dell'atrio sx).

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 725XXX

Iscritto dal 2008
Salve dott.,infatti dimenticavo di annotare che nel recente luglio del 2008 in seguito ad un nuovo caso di cardiopalmo veniva riscontrata fibrillazione atriale di flutter atriale a 150 bpm;trattato con metoprololo.all'ecocardiogramma eseguito in tale occasione riscontro di dilatazione dell'atrio sn (ap 53 mm, area 28 cmq),lembi mitralici calcifici ipomobili con gradiente transvalvolare massimo di 9 mmhg e medio di 3 mmhg ,lieve im. La preoccupazione dello staff di Villa maria cecilia di Cotignola(Ra)e anche soprattutto nostra è che si debba intervenire sulla mitralica.cosa ne Pensa? può verificarsi che dopo il recente intervento la fibrillazione possa scomparire?
La ringrazio,a presto
[#3] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
In linea di massima, l'indicazione chirurgica alla sostituzione mitralica si pone quando, in un paz sintomatico (mancanza di fiato), l'area mitralica è inferiore ad 1 cmq e il gradiente medio è maggiore o uguale a 10 (dati indicativi per stenosi severa). Da quanto lei mi riferisce, al momento non mi pare che la soluzione sia chirurgica. Segua la terapia consigliata dai cardiologi che hanno eseguito l'ablazione. Si può verificare la scomparsa della FA anche dopo settimane dall'ablazione.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 725XXX

Iscritto dal 2008
grazie Dott.,
ora cerheremo innanzitutto di tranquillizzarlo,ha una forte emotività,fra un mese faremo un nuovo controllo,le farò sapere.La ringrazio intanto,
cordiali saluti