Utente 684XXX
Gentile Dottore
Chiedo gentilmente un consulto sulla terapia contro extrasistolia continua accompagnata da tosse. Polmoni e Bronchi nessun problema. Desidero sapere se con questa tosse causata subitaneamente alla mancanza della perdita di un battito (frequente), puo' aggravare sul ritmo cardiaco. Diagnosi: Disturbi cardiaci di lieve entita'. Insufficenza della Mitrale. Mia terapia attuale: Metoprololsuccinato, Ramipril 5mg, diuretico.
Quando la pressione scende sui valori di 110/70 non avverto disturbi.
Grazie per la Gentilezza. Distinti saluti da Carmelo Avellino

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, cosa significa extrasistolia continua? Ritengo inoltre che la tosse che lei avverte sia più su base ansiogena che correlabile alle extrasistoli e di certo non non influisce particolarmente sull'attività cardiaca.
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, cosa significa extrasistolia continua? Ritengo inoltre che la tosse che lei avverte sia più su base ansiogena che correlabile alle extrasistoli e di certo non non influisce particolarmente sull'attività cardiaca.
Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 684XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Martino
Per extrasistolie, intendo dire extrasistoli continue, e con nella perdita dei battiti cardiaci si accompagna ogni qual volta la tosse, al punto di innervosire me stesso e chi ta vicino a me. Ho paura di abbusare la dose dei Betabloccanti, in quando la pressione scende fino a 110/70,
con questi valori posso continuare a prenderle senza abbassare la quantita
stabilita dal medico?
Inoltre la tosse puo'
danneggiare il cuore?
Mille Grazie
Un saluto da Car. Avellino
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Sig. Carmelo, non posso risponderle circa il dosaggio di b-bloccante in quanto non specificato. Riguardo alla tosse, la ho già detto che NON determina particolari alterazioni sulla attività cardiaca. Consulti il suo medico/cardiologo sul dosaggio del b-bloccante e gli faccia presente anche il problema della tosse, la cui causa potrebbe essere addebitata al ramipril (effetto collaterale). Saluti