Utente 913XXX
Caro dottore,
soffro di fastidi toracici ricorrenti in genere associati a sforzi. Mi capita dopo sforzi come fare le scale di corsa o cose simile di percepire un leggero fastidio retrosternale non ben localizzato. Tale fastidio diventa dolore in seguito alla seguente manovra: se spingo in fuori il petto ed inspiro profondamente. Non e' un dolore trafittivo e dura il tempo del respiro. In seguito a tale manovra mi rimane un senso di vaga dolorabilita' per qualche minuto e a volte senso di cibo in gola. Il medico di famiglia mi ha indirizzato a controlli cardiologici e gastroenterologici: 1) Ecocardiocolordoppler da cui risulta un lieve prolasso mitralico con minimo rigurgito, 2) ECG da sforzo massimale negativo, 3) gastroscopia da cui risulta reflusso ed ernia iatale per cui sono in cura da un po' di tempo.

Volevo sapere se la tipologia del fastidio e le analisi fatte possono escludere problemi cardiaci.
Per informazione le dico che sono alto 1,82 m per 78 Kg di peso, colesterolo tot. 172, HDL 43, pressione arteriosa 125-130/80 e nessuna familiarita' a problemi cardiaci.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gnetile utente,
l'iter terapeutico da lei eseguito è quello più appropriato per il suo caso. Gli esami svolti e la sintomatologia tipica escludono, al momento, la natura cardiaca del suo fastidio.
Stia tranquillo.
Cordialmente,