Utente 933XXX
Salve sono un 25enne, sto per iniziare una terapia ormonale con estrogeno (estradiolo) ed antiandrogeno (ciproterone acetato) per un disturbo dell'identità di genere da maschio a femmina.
So che nel giro di poche settimane avrò, con buona probabilità azoospermia, disfunzioni erettili ed eiaculatorie, calo di libido e via dicendo. Quello che volevo sapere è se l'azoospermia è un effetto reversibile, anche dopo diciamo 1 anno o 2 di assunzione, oppure diverrò sterile irreversibilmente?
Se l'azoospermia è reversibile, di quanto tempo si tratta?
Se invece l'azoospermia potrebbe diventare irreversibile, dopo quanto tempo lo farà?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore/trice ,

ma è sicuro/a della scelta di genere che sta facendo.
Le sue domande in questa prospettiva non hanno molto senso . Comunque , se tutto si ferma alla terapia farmacologica, molto dipende dai dosaggi assunti e dalla sua personale sensibilità ai farmaci ricevuti .
Detto questo poi generalmente, dopo 6-9 mesi dalla sospensione delle terapie da lei accennate, la spermatogenesi (cioè la normale produzione degli spermatozoi) riprende.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 933XXX

Iscritto dal 2008
No, non si preoccupi, sono perfettamente sicura della mia scelta, ho chiesto questo consulto solo per una semplice curiosità.
Mi complimento e la ringrazio mille volte per la tempestività con cui mi ha risposto.


[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

comunque penso abbia fatto o stia facendo tutto il percorso medico-psicologico che viene consigliato in queste particolari e complesse situazioni di disturbo dell'identità di genere.

Le faccio i miei auguri ed ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com