Utente 919XXX
Salve,

mi chiamo Francesco, ho 27 anni sono alto 1.75 cm e peso 75 Kg. Ultimamente in tarda serata dopo aver mangiato (credo un pò pesante), ho avvertito dei battiti un pò accelerati e preoccupato sono andato al pronto soccorso.
Lì mi hanno fatto un normale elettrocardiogramma dove si è appurato che avevo delle extrasistole accompagnate a tachicardie, ho comunicato al medico di sala che mi sentivo molto pesante di stomaco al chè mi hanno somministrato una flebo di Plasil (credo si chiami così!).
Il mattino seguente, mi sono recato dal mio medico di famiglia dove gli ho comunicato quanto successo della serata precedente, dopo avermi controllato il battito cardiaco ha detto che sono presenti delle extrasistolie.
Mi ha consigliato di fare l'esame della tiroide per vedere se c'è ipertiroidismo, accompagnato da un Holter dinamico cardiaco.
Volevo chiedere, le extrasistolie rappresentano un pericolo oppure sono curabili al livello farmacologico? Ma soprattutto, c'è un'origine a tutto ciò? I sintomi che riscontro sono i classici "tuffi" al cuore, ma nient'altro. Non ho dolori di alcun genere e forma.

Attendo un vostro consulto.
Cordiali saluti.
Francesco.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
data la sua giovane età, e l'evento transitorio di tachicardia da lei descritto, si intende una benignità delle sue extrasistoli. L'iter terapeutico consigliato dal suo curante è corretto. Soltanto alla lettura dell'Holter ECG (con funzionalità tiroidea normale) potrà definitivamente escludere o meno la necessità di una terapia farmacologica, non necessaria in caso di extrasistoli isolate o comunque non recanti particolari disturbi al ritmo cardiaco.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dr. Martino

ringraziandola per la sua immediata risposta, volevo altresì chiederle se l'extrasistolia può comportare rischi gravi per la vita.
Da tener presente che, sul referto medico rilasciato dal pronto soccorso, vi è scritto: battiti ectopici (poi confermati dal mio medico di famiglia).

Io ho sempre sofferto di extrasistolia, può esser anche dovuto ad un'eccessiva quantità di grassi ingeriti durante la cena?

Grazie per il suo prezioso consulto.

Francesco.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Francesco, se ha sempre sofferto di extrasistolia, un pasto particolarmente abbondante può certamente aumentare il numero di extrasistoli, ma per quanto riguarda i rischi connessi alla sua salute, il suo non mi sembra di certo il caso di extrasistolia complessa tale da far pressuppore ad eventi aritmici maligni. Stia tranquillo. Saluti