Utente 583XXX
Buongirono,
volevo chiedere maggiori info in merito ad una tac addominale e toracica effettuada con mdc da mia zia che ha 68 anni. Tale tac è stata effettuata a seguido di diagnosi di neoplasia al colon dal cui referto risulta;


Esame strumentale condotto fino in prossimità della fessura epatica dove è presente una neoformazione stenosante con mucosa irregolare e friabile al trauma strumentale. presenza diverticoli del sigma senza segni di floglosi. Congestione emorroidaria interna.
DIAGNOSI:
Neoplasia colon destro in attesa di definizione istologica e diverticolosi del sigma.


TAC ADDOME COMPLETO E TORACE CON MDC:


regolare pervietà della trache e delle principali diramazioni bronchiali.
non evidenti lesioni infiltrative del parenchima polmonare in atto;
non si rilevano tumefazioni linfodonali alle stazioni ilo-mediastiniche;
assente versamento pleurico e pericardico.

L'esame eseguito mediante scansioni assiali, previa opacizzazione intestinale, prima e dopo infusione di mdc iodato, ha mostrato:
fegato di forma e dimensioni nei limiti, a densità disomogenea per la presenza di due aree ovalare ipodense dopo contrasto, quella di maggiori dimensioni è in corrispondenza della porzione sottodiaframmatica del segmento VII (lesione eteroplastica). Un altra area ipodensa si osserva in corrispondenza della porzione posteriore del segmento VI associata a strie iperdense. Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate. Milza surreni e pancreas morfo volumetricamente nei limiti.
Reni in sede, di forma e dimensioni regolari, a conservata funzionalità escretoria bilaterale, senza apprezabili dilatazioni calico pieliche.
Ureteri pervi e di calibro regolare fino al loro sbocco in vescica che mostra pareti regolari e contenuto omogeneo, senza difetti di riempimento endoluminali.
Aorta, vena cava inferiore ed asse spleno portale nei limiti.
Non apprezabili tumefazioni linfoadenoepatiche a carico delle stazioni addominali e pelviche esplorate.
ispessimento delle pareti del colon in prossimità della fessura epatica.
Vescica opacizzata a pareti regolari.


Gentili dottori vorrei sapere se la neoplasia è operabile, se tale refeto indica eventuali metastasi e che aspettative di vita ci sono. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
il quadro riportato fa pensare ad una neoplasia del colon con ripetizioni metastatiche a livello del fegato. L'intervento chirurgico si rende necessario per limitare i rischi di sanguinamento e di occlusione dovuti alla crescita della neoplasia. Il trattamento delle lesioni epatiche invece dipende dalla loro aggredibilità chirurgica. In caso di impossibilità ablativa chirurgica si deve valutare un trattamento alternativo che andra scelto a seconda del caso insieme ai colleghi oncologi. IN funzine del quadro genearle sarà poi possibile esprimere, sempre a grandi linee, una ipotesi prognostica.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 583XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore per la celere risposta. Mia zia da circa 20 anni ha delle calcificazioni al fagato. Le possibili metastasi che lei mi indica potrebbero essere queste calcificazioni che ha da piu' di 20 anni?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
io devo "fidarmi" del referto scritto dal collega radiologo che descrive due lesioni ("due aree ovalari ipodense dopo contrasto") di cui una (quella del VII segmento) con caratteristiche metastatiche ("lesione eteroplastica")
Forse l'altra a carico del VI segmento potrebbe avere caratteristiche diverse, ma parliamo sempre di ipotesi nell'impossibilità di visionare direttamente la TC

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 583XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore,
le ho scritto VII segmento "lesione eteroplastica" invece di "eteroplasica", il risultato non cambia?
Mi scusi ancora.
[#5] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
mi dispiace dirle che la corretta dizione "eteroplasica" riportata per errore con un copia ed incolla, non cambia il senso della malattia chee va considerata, fino a prova contraria una metastasi.

Cordiali saluti