Utente 141XXX
Gentilissimi Dottori,
scrivo per un problema che da qualche settimana affligge mio marito. Negli ultimi mesi non è più riuscito a concludere con soddisfazione i rapporti sessuali in quanto l'erezione non è sufficientemente duratura. Ora lui si è convinto che si tratti di un problema dis tress e di insoddisfazione sul posto di lavoro. Come posso cercare di aiutarlo? Non vorrei che i tentativi di rapporto fallissero in quanto è troppo preoccupato che la cosa possa riaccadere, nel contempo fare "finta di niente" mi sembra poco intelligente.
Potete aiutarmi?
Grazie in anticipo e complimenti per il servizio eccellente che offrite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara lettrice 14132,
un problema di mantenimento di una adeguata erezione può dipendere da fattori psicologici, emozionali e relazionali ma anche, più frequentemente, da fattori organici, magari vascolari od ormonali.
Direi di cercare di convincere suo marito di parlarne con il medico di casa o,magari meglio, con uno specialista per chiarire meglio il problema
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile Signora ,
un altro consiglio che frequentemente si dà in questi casi è quello di non drammatizzare troppo la situazione . In fondo la normale attività sessuale è anche un gioco , un "piacere". Ragionevole attesa e ,se il disturbo continua, seguire le indicazioni del dr. Pozza. Ancora un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'ipotesi formulata da Suo marito è plausibile. Ma è altrettanto vero che, prima di accoglierla pienamente e quindi iniziare un iter terapeutico, occorre eliminare la possibilità di cause organiche di impotenza. Come? Semplicissimo, consultando tramite un suggerimento del Vostro Medico di base, lo specialista più adatto...nella fattispecie l'Andrologo.
Capisco quanto il problema sia tutt'altro che piacevole per un uomo e per la Sua compagna. Sono problemi seri e conflittuali all'interno di una coppia. Ecco il motivo per cui ritengo inutile ogni attesa, anzi la reputo deleteria al massimo...Il sesso deve essere un piacere e non una fonte continua di malessere e delusioni. Il problema va affrontato subito, prima che arrechi ulteriori danni, e sotto la guida di un Andrologo.
E naturalmente Lei deve accompagnarlo :o)
Affettuosi auguri a Suo marito e cordialissismi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO