Utente 101XXX
buonasera, ho 21 anni è spesso mi capita sopratutto in stagione invernale che i miei testicoli, o uno o l'altro salgano verso l'alto dandomi un po di fastidio, solitamente comunque li ho sempre un po raggrinziti.
Volevo sapere se era un problema o una cosa normale...

Un'altra domanda è quella che se non eiaculo per circa una settimana, magari avendo anche erezioni ma non eiaculazioni, mi viene un dolore al basso ventre e alla schiena, sempre sulla parte bassa, come quando si prende un colpo ai testicoli, solo però più costante... è forse perchè sono abituato ad avere un minino di eiaculazioni o cosa??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
-per la prima domanda: è normale che con il freddo lo scroto tenda a raggrinzirsi e i testicoli tendano a salire, non se ne preoccupi.
-E' anche normale che l'eccitazione sessuale non seguita da eiaculazione possa determinare fastidi/dolori nella zona perineale; sono il risultato della distensione/congestione delle vie seminali. E' di fatto buona norma far seguire l'eiaculazione a un'intensa eccitazione sessuale.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro utente dipende da quanto questi testicoli salgano, mentre il fatto di non evere eiaculazione può provocare delle infiammazioni e di conseguenza dolore
[#3] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
grazie per le risposte, cmq i testicoli salgono quasi ad affiancarsi del pene, con una leggera pressione verso il basso poi tornano al loro posto...
E' normale pure questo?
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

come spesso ripeto da questo sito, vista la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi" e non sicurezze , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente ,alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Se desidera infine altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35780.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com