Utente 105XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 18 anni che poco più di 2 settimane fa è stato operato di frenulotomia; premetto che il mio frenulo non era corto,ma essendosi lacerato dopo un rapporto tempo fa (annetto), e tirando un pochino durante i rapporti, ho preferito farlo levare; il medico che mi ha visitato notando una sovrabbondanza di prepuzio in fase di riposo (in erezione no), mi ha chiesto se avessi qualche problema nello scoprire il glande in erezione e in effetti quel problema non l'avevo,la pelle scorreva tranquillamente sotto il glande a anche oltre. Ora è sparito il primo punto dell'operazione ma mi sono accorto che la pelle del prepuzio è diventata un po' secca e che quando lo 'scappello' tende a formarsi un restringimento del prepuzio, soprattutto in erezione quando la pelle non ricopre nemmeno tutto il glande (prima dell'intervento si) e fa male a tirarla giù (delicatamente anche si intende) e appare molto tesa;
vorrei sapere se questi effetti dell'operazione sono normali o in effetti l'eliminazione del frenulo ha causato una fimosi o qualcos'altro e se la secchezza della pelle e il fatto che non sia molto elastica è normale (ricordando che ho tutti i punti meno che uno che è caduto (quello sotto il glande)),anche perché all'inizio,poco dopo l'operazione,non mi sembrava che si attuasse questo restringimento.Se il pene è a riposo non faccio fatica a tirare giù anche tutta la pelle e senza il minimo dolore.
grazie per le risposte in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro ragazzo, prima di fare qualunque valuatazione è necessario che si rimargini la ferita e cadano i punti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
COn massima serenità e senza ansia dia il tempo alla ferita di guarire bene e faccia le valutazioni col tempo, magari anche guidato dall'occhio del suo operatore.