Utente 786XXX
salve dottori. volevo sapere perchè durante la somministrazione di SSRIs si ha perdita di libido, eiaculazione ritardata e , nei casi più gravi, dose-dipendente, anorgasmia. grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gli SSRI sono dei farmaci molto efficaci nella terapia della depressione. Essi sono usati per trattarne i sintomi ri-equilibrando determinatii prodotti chimici presenti nel cervello che si ritengono responsabili della depressione.La serotonina a livello cerebrale e periferico regola anche l'attività sessuale e per questo motivo tali farmaci hanno gli effetti collaterali descritti.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 786XXX

Iscritto dal 2008
ah ok... io sapevo anche di un'ibizione del talamo come causa principale... è errata? in se stessa l'indolammina non recaptata non induce effetti di disturbo per la sessualità... cmq... c0è un rimedio per questo "piccolo" inconveniente?
[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
PURTROPPO L'UNICA SOLUZIONE è LA SOSPENSIONE DEL FARMACO SE CIò è POSSIBILE OVVIAMENTE
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

i farmaci SSRI possono in alcuni casi determianre cambiamenti della libido anche se molto spesso il deficit libidico può essere legato alla patologia che ha richiesto l'utilizzazione dei SSRI.
Ne parli con il medico che le ha prescritto la terapia in modo da poter "gestire" tale fenomeno molto importante per un giovane
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 786XXX

Iscritto dal 2008
grazie mille ad entrambi i medici. per vostro aggiornamento, che può anche esservi utile, spesso viene associata alla terapia antidepressiva serotoninergica anche un dopaminergico, come il bupropione, oppure, in alcuni casi, dei dopamino-agonisti, come il Requip o il Pramexen.