Utente 116XXX
Salve, è da qualche tempo che quando mi capita di dormire a pancia in giù, dopo pochissimi minuti mi sveglio con un forte dolore (tipo costrizione) all'altezza del pettorale sinistro, che viene accompagnato da tachicardia (100-110 battiti). Sono quindi costretto a mettermi seduto per qualche minuto per poi ricoricarmi a pancia all'aria.
Vorrei sapere se vale la pena di eseguire esami di tipo cardiaci o devo andare verso un'altra specializzazione?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sua sintomatologia, sebbene del tutto aspecifica, sembrerebbe da ascrivere più ad un disturbo digestivo che non cardiaco. Si consulti comunque con il curante almeno per una visita generale.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della risposta.
Il medico curante dice che, vista l'età giovane e il fatto che ormai ho questi disturbi da più di un anno, non sono un soggetto a rischio. Queste rassicurazioni 'statistiche, non mi tranquillazzano più di tanto.
La mia preoccupazione deriva dal fatto è che soffro anche di altre sintomalogie quali parestesia agli arti (spesso mi risveglio con uno o più arti addormentati) e frequenti giramenti di testa che potrebbero far pensare a problemi circolatori.
Come potrei fare per escludere problemi cardiaci? (ho già fatto elettrocardio che è risultato ok).
Grazie mille.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
In base a quanto ha aggiunto esegua anche un ecodoppler artero-venoso degli arti superiori, un rx del rachide cervicale e un Holter ECG.
Saluti