Utente 449XXX
Egregi dottori,

sono un ragazzo di 24 anni di Roma...

Vi scrivo per esporvi un problema che ho riscontrato proprio questa mattina... appena svegliato, recandomi in bagno per fare pipì ho notato uno strano gonfiore al pene... il gonfiore non parte dall'attaccatura dell'inguine, ma più dalla metà del pene, fino quasi al glande... allo stato attuale è gonfio nella parte centrale, con un piccolo "annerimento" nella parte sinistra e inferiore del pene stesso...

premetto che ieri sera mi sono masturbato, ma non è stata certo la prima volta... è, invece, la prima volta che mi succede una cosa simile... fino ad oggi non ho mai riscontrato problemi alcuni al pene...

Cosa positiva è che non ho particolari dolori, forse un leggerissimo bruciore, ma quasi impercettibile... i testicoli mi sembrano nella norma, forse un po' "scarichi", ma credo che sia normale dopo un atto masturbativo...

per ultimo, non se attinente al problema, segnalo che il mio ultimo rapporto sessuale con la mia ragazza, risale a 4 giorni fa ed è stato protetto...

Chiedo scusa nel caso abbia usato termini troppo comuni o poco specifici, spero comunque sia riuscito a spiegarmi...

Anche se si trattasse di una "stupidaggine", o comunque lo spero, sono molto preoccupato e Vi chiedo gentilmente di consigliarmi su come comportarmi... devo aspettare qualche ora o magari qualche giorno? o mi consigliate una visita dal medico di famiglia o presso uno specialista?

Il mio "problema" è che domani partirò per la Sardegna ed oggi sarò in ufficio fino alle 18.00 ...

Ringrazio tutti coloro sapranno aiutarmi e consigliarmi e dedicare al mio piccolo problema attenzione e un po' del proprio tempo...

Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
meglio che trovi il tempo per farla vedere al suo medico. Di qua non possiamo nè riusciamo a fare diagnosi o fare terapie.