Utente 222XXX
Salve! A marzo dell'anno scorso ho riportato una ferita al frenulo, penso si sia trattato di una rottura vera e propria e non di una semplice lacerazione...Premetto che il frenulo non è né breve né mancante di elasticità, si è rotto perché vi è stata esercitata, un pò stupidamente, una crescente ed eccessiva trazione...Non ho preso particolari provvedimenti, la ferita si è rimarginata ma si è creato un piccolo scalino longitudinale della lunghezza di alcuni mm nella parte più bassa del frenulo...Vorrei sapere se è possibile che questo fatto abbia potuto determinare una diminuzione della sensibilità in tutto il pene o anche solo sulla parte interessata, e,considerando anche il modo del tutto innaturale con cui ho riportato la ferita, se è possibile che dopo questa il mio pene si sia...Storto! vi spiego, quando è in erezione inizia ad inclinarsi leggermente verso sinistra dopo pochi cm dalla base dell'asta, può darsi che fosse così già prima della rottura del frenulo; ci sta che semplicemente non ci abbia mai fatto caso...Qunado il pene è flacciso però appare lo stesso un pò "spostato verso sinistra", e sembr a volte che il glande sia ruotato nella medesima direzione...Qst mi pare che prima non si verificasse! Sono stato anche dal mio medico di base, ma vorrei comunque il vostro parere perché lui si è limitato a dare una rapidissima occhiata da lontano, dicendomi che era t a posto...Non è che mi abbia convinto molto!
Inoltre è possibile far rimuovere lo scalino sul frenulo, senza ricorrere alla plastica di allungamento di cui, ripeto, non c'è bisogno, e senza il rischio che la sensibilità venga alterata?!
Grazie anticipatamente per l'attenzione, faccio a tutti auguri di buon anno e i complimenti per l'organizzazione del sito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 22258,

una curvatura, deviazione, laterale sinistra dell'asta è un fenomeno congenito che normalmente viene osservato, casualmente, all'adolescenza o in occasione dei primi rapporti sessuali.
Se la curvatura non crea disagio estetico e difficoltà di penetrazione allora non va assolutamente trattata.
Il problema della lacerazione del frenulo è "classica".
Durante una manovra forzata il frenulo di lacera in parte con modesto sanguinamento ( o no), avviene una guarigione spontanea con formazione di tessuto cicatriziale, rigido, facilmente lacerabile, che altera la sensibilità locale del frenulo ed espone al rischio di successive lacerazioni con aggravamento della situazione
Consiglierei di rivolgersi al suo medico o ad uno specialista per valutare se sia il caso di fare una recisone chirurgica ( semplicissima ed indolore) definitiva e completa del frenulo
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono pienamente daccordo con il collega che mi ha preceduto
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non vi assolutamente alcun nesso fra la lacerazione post-traumatica del frenulo e la curvatura che a Lei sembra di apprezzare dopo tale evento. E' davvero molto probabile che la curvatura fosse già presente prima dell'evento e che solo ora, osservando "più attentamente" la regione, Lei ne abbia preso consapevolezza.
Ovviamnete si, la cicatrice spontanea del frenulo lacerato può modificare la sensibilità locale. Sarebbe il caso che lei si sottoponesse ad un controllo clinico Specialistico, diciamo così, più "ravvicinato" di quello che le ha proposto il Suo Medico di base e molto probabilmente ad un intervento di frenuloplastica.
Mi chiedo solo a che serve parlare tanto di prevenzione delle patologie dell'apparato genitale maschile se poi alcuni Medici di base, e sottolineo per fortuna solo alcuni, ancora trattano la delicata questione con un atteggiamento di superficialità quasi imbarazzante (sic!) come nel Suo caso...
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO


-
[#4] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2006
Gentili dottori, vi ringrazio per le pronte risposte, ma da quello che ha detto il dr Pozza evinco che forse non mi sono spiegato al meglio...il tessuto dello scalino sul frenulo non è rigido, non dà assolutamente problemi di alcun tipo, se non estetici e psicologici, e non credo di necessitare di una frenuloplstica, che se non sbaglio è l'operazione di allungamento del frenulo, perché come ripeto esso è del tutto sano, né corto né anelastico, il prepuzio è scorrevole e mi pare che per il resto sia tutto a posto...volevo sapere se è possibile far rimuovere SOLO questa piccola striscia di pelle in eccesso, senza andare ad intaccare in altro modo il frenulo?! e comunque la diminuzione di sensibilità mi pare che si sia verificata più al di sopra dello "scalino" stesso, nella parte alta del frenulo, ma ripeto, magari è solo una mia suggestione...grazie a chiunque vorrà rispondermi ancora.
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 22258,

chirurgicamente si può asportare tutto o "quasi tutto" !!
Si tratta di vedere cosa e perchè asportare chirurgicamente
Senza vedere il suo pene è difficile darle una risposta concreta
cari saluti
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Le dico la verità: non sono riuscito a focalizzare quanto Lei descrive. Ma se vuoLe il mio parere, non credo sia il caso di fare troppe acrobazie chirurgiche su una zona così delicata. Quindi, o si lasciano le cose come stanno, o si procede alla plastica del frenulo. Non riesco ad immaginarmi una frenulectomia parziale (?).
Credo che una visita reale potrà chiarirLe ogni dubbio.
Affettuosi saluti ed auguri epr tutto.
Prof. Giovanni MARTINO