Utente 123XXX
Buonasera, a seguito di tac e broncoscopia per mio papà (78 anni,portatore di pace maker)sono state riscontrate le diagnosi che indico di seguito. Oggi siamo andati a fare la tac-pet e tra 10 giorni abbiamo l'incontro con l'oncologo. Potete cortesemente dirmi a che stato di gravità è la situazione?
TAC TORACE SENZA E CON MDC: Linfonodo colliquato con asse 17 mm si localizza in paramediastinica superiore sx.Nodulazione linfonodale solide con tendenza alla colliquazione si localizzano anche inparaortica sx con asse 2 cm alla regione ilare mal dissociabile da panno solido spess. circa 13 mm.Altro linfonodo circa 25 mm in loggia di Barety. Nodulazione solida circa 3 cm in sese apicale dx. ESITO DIAGNOSI ISTOLOGICA-CITOLOGICA: nodulazioni polmonari bilaterali,mucosa ispessita carico della lingula.DIAGNOSI: Frammenti superficiali di carcinoma e cellule squamose (biopsia bronchiale).Abbondante materiale citologico positivo x cellule tumorali maligne(istotipo a cellule squamose (Broncoaspirato sx).
Non compatibile ad un approccio chirurgico.
Vi ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

premesso che un consulto online non sostituisce la visita con il medico specialista, il quadro riportato è quello di un carcinoma squamocellulare localmente avanzato e con localizzazioni linfonodali bilaterali e verosimile coinvolgimento polmonare bilaterale.
La TC-PET completerà la stadiazione indicando se vi sono localizzazioni a distanza (in altri organi).

Il paziente sarà verosimilmente avviato quanto prima ad un trattamento sistemico (in prima battuta chemioterapico), che potrebbe dare buoni risultati in termini di controllo della malattia, qualità di vita, sopravvivenza a distanza.
In un caso simile, in un secondo tempo, potrebbe avere un ruolo la radioterapia, è da escludere invece un trattamento chirurgico (non utile, anzi dannoso, per una malattia in questo stadio).

Rimango a vostra disposizione per eventuali necessità.

Cordiali saluti,

[#2] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Gent.le Dottore,
innanzitutto la ringrazio infinitamente per le sue celeri risposte.
La tac-pet ha dato questi risultati: Eteroplasia polmonare ad istotipo squamoso localmente avanzata.
Oggi abbiamo avuto l'incontro con il mdico della GIVOP e l'esito è stato questo:
..con secondarismo/seconda primitività polmone controlaterale. Il paziente ad oggi in buone condizioni generali ed asintomattico. Proposto al paziente una poli-CT con CBDCA+GEM (CBDCA= 3-4).
Ci ha spiegato che sono una serie di chemioterapie che non provocheranno nè perdite di capelli nè dolori di tomaco.
Da come ho capito (ma sono d'accordo con il medico di risentirci domani per dicutere in separata sede)mio papà ha un tumore al polmone (sembra ci sia da 7/8 mesi) e un altro tra i 2 polmoni con linfonodi.
Che aspettative posso avere? Tutto questo può provocare la morte entro breve?
Come può immaginare la tensione e la preoccupazione di una figlia è enorme.
Grazie nuovamente
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

la prognosi di una malattia come quella di suo padre dipende dalla risposta ai farmaci chemioterapici, e pertanto è impossibile fare previsioni adesso.

MI sento di poterle dire che le terapie oncologiche per il tumore del polmone sono al giorno d'oggi molto più efficaci di quanto non fossero alcuni anni fa, sia in termini di sopravvivenza che di qualità di vita, pertanto vi consiglio di intraprendere il trattamento con fiducia, che deve essere rafforzata dalla consapevolezza di essere seguiti da uno dei centri italiani storicamente tra i più attenti ed aggiornati (colgo anzi l'occasione per chiederle di portare i miei saluti a tutti i colleghi del GIVOP, e in particolare, se riuscisse, al Dott.Antonio Santo, coordinatore del progetto).

Rimango a vostra disposizione per ogni vostra necessità futura,

Cordiali saluti,