Utente 125XXX
Gent.li signori,
Mi rivolgo a voi per chiedere piu' che un consulto un consiglio.
Mia nonna é stata ricoverata 2 mesi fa in ospedale dopo che le fu diagnosticata una fibrillazione atriale.
E' stato impiantato un pace maker, e stabilita una cura con coumadin e farmaci per il controllo della pressiona arteriosa.
Da circa un mese la donna riferisce di non riuscire a riposare di notte, in quanto subentra un fastidioso senso di peso e affaticamento respiratorio (Definito da lei "sbanfo").
Abbiamo già fatto svariati controlli, di cui una visita cardiologica, per cercare una soluzione al problema, ma non abbiamo ottenuto un consiglio valido o un aiuto.
Chiedo da cosa possa dipendere questo disturbo e quali azioni mi suggerite (visite specialistiche?) affiché si possa aiutare la persona a stare meglio. Riferisco che durante il giorno la donna non accusa disturbi respiratori.
Vi ringrazio per l'attenzione ed eventuali suggerimenti su come procedere.
Grazie, Chiara

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente
potrebbe essere utile l' esecuzione di un ecocardiogramma poiché una riduzione della funzione sistolica potrebbe giustificare i sintomi lamentati.
A disposizione per ulteriori consulti