Utente 125XXX
Gentili medici,

vi scrivo per un problema che mi affligge da anni.Nell'adolescenza mi sono accorto di avere un pene troppo incurvato.Mi è stato diagnosticato un incurvamento penieno congenito,risolto con chirurgia Nesbit nel 2003.Il problema è che io avevo anche notato,sin dall'adolescenza,di avere anche erezioni incomplete,e questo anche durante la masturbazione da solo:il pene non rimaneva turgido,e mi succede tuttora.
Nel 2007 ho effettuato,sempre presso lo stesso urologo,un ecocolordoppler delle arterie cavernose.

L'esame è stato eseguito in condizioni basali e dopo farmaco infusione di 5 microgrammi di PGE1.In condizioni basali normale ecostruttura dei corpi cavernosi. Arterie cavernose con decorso sinuoso non pulsanti.Dopo farmacoinfusione pronta dilatazione dei sinusoidi dei corpi cavernosi,arterie cavernose pulsanti.Misurazione dei picchi di velocità con analisi spettrale Doppler:non essendo state rilevate asimmetrie di flusso le misurazioni sono state effettuate a carico dell'arteria cavernosa sinistra.Dopo 2 minuti:art cavernosa sinistra picco sistolico 0.44 m/sec picco diastolico 0.06 m/sec.Risposta clinica:tumescenza.Dopo 5 minuti:art cavernosa sinistra picco sistolico 0.45 m/c picco diastolico invertito.Risposta clinica:erezione.Dopo 10 minuti:art cavernosa sinistra picco sistolico 0.64 m/sec picco diastolico 0.03 m/sec.Risposta clinica:erezione incompleta.Dopo 15 minuti.art cavernosa sinistra picco sistolico 0.71 m/sec picco diastolico 0.03 m/sec.Risposta clinica:erezione incompleta.Conclusioni:normale la fase di dilatazione dei sinusoidi dei corpi cavernosi;normale la fase d'incremento dell'inflow arterioso;instabilità del blocco al deflusso venoso,con precoce fase di blocco completo,seguita da fasi alterne di blocco e di deflusso venoso precoce.

A questo,aggiungo che il problema dell'incurvamento penieno mi causò inibizione nella vita sessuale,e oggi sento di soffrire di ansia da prestazione per tutte le cause sopra elencate.A seguito l'ecocolordoppler sopra citato mi sono state date due opzioni dall'urologo: terapia psicologica o Cialis:scelsi quest'ultimo nel 2007,che ha un po' migliorato la situazione ma non risolta, rimane il problema del mantenimento dell'erezione.
Ho una vita sessuale non regolare,solo partner occasionali.
Aggiungo che da qualche anno ho anche lo stimolo a urinare moltissime volte al giorno,anche 5 minuti dopo aver urinato,e in alcuni casi dopo l'eiaculazione mi viene un bruciore che parte dall'uretra per arrivare allo sfintere fino alle parti basse dell'intestino.

Vi ringrazio per il gentile consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente sicuramente nel suo caso potrebbe essere indicata un consulto andrologico per poter eimpostare una terapia eventualmente di riabilitazione
[#2] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dott. Quarto,

la ringrazio per la sua gentile e pronta risposta. Volevo chiederle: cosa intende esattamente con "terapia di riabilitazione"?
Volevo aggiungere un elemento: non ho mai verificato le erezioni notturne. Non ricordo di aver avuto polluzioni notturne, e la mattina quando mi alzo a volte mi può capitare di avere il pene rigido, ma non è un'erezione fortissima, che comunque scompare non appena mi reco a urinare.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro utente senza una visita mi è difficile impostare una terapia
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Quarto che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottor Beretta,

la ringrazio per il link che mi ha suggerito, l'ho letto con attenzione.

Volevo porle gentilmente la seguente domanda. Dato questo referto medico

"Normale la fase di dilatazione dei sinusoidi dei corpi cavernosi;normale la fase d'incremento dell'inflow arterioso;instabilità del blocco al deflusso venoso,con precoce fase di blocco completo,seguita da fasi alterne di blocco e di deflusso venoso precoce."

lei pensa possa esserci una causa organica oppure, considerando anche tutto il mio caso che ho illustrato in precedenza, questo deflusso venoso precoce potrebbe avere solo cause psicologiche?

La ringrazio molto per la cortese attenzione.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

alla luce delle poche informazioni cliniche che ci ha inviato, penso che la sua ipotesi non sia da scartare ma da tenere molto presente.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#7] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio nuovamente per la sua pronta risposta.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque , se lo desidera , ci tenga informati sugli eventuali e futuri sviluppi del suo problema clinico.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#9] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio, è infinitamente gentile.

Sto valutando di rivolgermi nuovamente al mio urologo per fornirgli un quadro clinico più ampio rispetto a quello che gli ho offerto due anni fa, come ho riportato in questa sede, e, se lui lo riterrà necessario, altri esami strumentali oppure l'avvio a un ciclo di terapia psicanalitica, nel caso non venga riscontrata di nuovo nessuna anomalia a livello fisiologico.

Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene !

Comunque ci tenga aggiornati, se lo desidera, sull'evoluzione della sua problematica.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com