Torna a Medicitalia.it oppure fai il LogIn     

Ultimi aggiornamenti da Medicitalia:

Feed RSS Dr. Giorgio Cavallini

torna alle news
 

Integratori alimentari ed infiammazioni prostatiche

 Andrologia - News generale del 09/12/2010 - 1968 visite

Attualmente sono molto in voga i così detti "integratori alimentari" a base di estratti di piante nella terapia delle infiammazioni prostatiche.
In effetti i principi attivi attivi utilizzati a tale scopo (urtica dioica, thè verde, palmetto, ecc.) sono sicuramente attivi quando utilizzati a dosaggi pieni: cioè dalle 6 alle 19 volte più alti rispetto ai così detti integratori.
La combinazione di più principi attivi non serve a sopperire al basso dosaggio, che le sostanze variamente combinante, possono avere anche effetto inibente l' una sull' altra. Non esistono attualmente dati clinici attendibili sulla reale efficacia di tali composti, che inoltre presentano una variabilità di composizione fra l' una confezione e l' altra fino al 140%. La presenza di effetti tossici ad essi correlati (difficoltà di coagulazione), ha portato la Associazione Statunitense di Urologia a raccomandarne la sospensione 15 giorni prima di ogni chirurgia.
Pertanto, questi integratori alimentari, non sono assolutamente da confondere con farmaci di estrazione da piante che sono sicuramente attivi e comunque, tali integratori, non sono assolutamente più efficaci nella terapia e nella prevenzione delle malattie prostatiche della dieta mediterranea.

Altri articoli di Dr. Giorgio Cavallini:

Commenti alla news:
1. Dr. Giovanni Beretta il 10/12/2010 ha scritto:
Non posso che condividere queste informazioni e confermare che l'utilizzo degli integratori alimentari non corrisponde all'uso dell'acqua fresca e di contro la loro efficacia nelle infiammazioni della prostata è tutta ancora da provare .
2. Dr. Giorgio Cavallini il 11/12/2010 ha scritto:
Vi sono guai accessori all' uso di tali preparati:
1) sfiduciano verso il fitofarmaciveri e propri che sono sicuramente attivi,
2) banalizzano le terapia
3. Dr. Giovanni Beretta il 11/12/2010 ha scritto:
Ed io aggiungo un terzo punto e cioè fanno perdere tempo prezioso verso l'utilizzo di una corretta e mirata terapia.
4. Utente 192540 il 07/02/2011 ha scritto:
Ringraziando per la gentile risposta già ricevuta, vorrei chiedere se quindi sto facendo bene a seguire la terapia con gli integratori alimentari per eliminare DEFINITIVAMENTE la mia prostatite, visto che comunque i fastidi lievi ma ci sono ancora(dopo 40 giorni di assunzione di pillole a base di mirtillo-propoli), e passare ad altra idonea terapia. Perdonatemi ma non ho ben compreso e non vorrei perdere TEMPO PREZIOSO,visto che ho sempre creduto nei medicinali comuni!
5. Dr. Giorgio Cavallini il 08/02/2011 ha scritto:
I farmaci naturali differiscono da integratori per il dosaggio non per la composizione. Di qua non è possibile saperlo che propoli e mirtillo posso anche essere farmaci.
6. Utente 270177 il 19/03/2013 ha scritto:
Ma per una prostatite, qual'è il miglio integratore? quello che ha maggiori risultati??

Aggiungi commento


Clicca qui per accedere con il tuo utente oppure registrati gratuitamente per commentare.

 

L'autore ha scelto le seguenti regole per commentare questa news:
O [commenti AMMESSI da parte dei professionisti iscritti]
O [commenti AMMESSI da parte degli utenti]


 

Condizioni di utilizzo
MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento, sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il medico curante. No al fai da te: affidati sempre al tuo medico di fiducia.

Autori e copyright
Per partecipare a Medicitalia ogni professionista invia la documentazione della propria abilitazione professionale.
Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti.
E' vietata la riproduzione e la divulgazione, anche parziale, senza autorizzazione scritta.

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr. Giorgio Cavallini dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto delle linee guida approvate dalla FNOMCeO inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56 e 57 del Nuovo Codice di Deontologia Medica.