Copertina libro
Titolo: L'universo di Gaia. La scoperta della donna nel «corpo» della psicologia analitica
Editore: Ma.Gi. Edizioni
Prezzo: 22.00

Link:

 

All’interno del libro curato da Bianca Gallerano e Francesca Picone, “L’universo di Gaia. La scoperta della donna nel «corpo» della psicologia analitica” ho offerto il mio contributo con un articolo dal titolo: “La madre-col-bambino. Cultura visuale e fenomenologia della paternità”. L’idea del lavoro è stata quella di approfondire e sottolineare il ruolo del padre nella triade familiare soprattutto nei primi mesi di vita del bambino ove una dimensione della funzione paterna consiste nell’assistere, adeguarsi e inserirsi all’interno di una relazione potentemente ricca di elementi fusionali attivati attraverso un retrocedere della mente della madre ad un livello di funzionamento di tipo primitivo ove si muove la mente del bambino.

La funzione paterna sembra dunque sembra agire da un punto di vista “esterno”, restituendo uno sguardo “altro” alla coppia madre-figlio tale da introdurre una continuità lineare narrativa che produce un movimento di sospensione e interruzione temporanea dallo stato fusionale attivato tra madre e bambino.

L’azione di tale funzione paterna fa i conti con la potenza arcaica di un legame perturbante e sotto certi aspetti indicibile ed inviolabile, come quello tra madre e bambino, cosparso di contaminazioni di tipo sacro poiché tende ad esprimersi sulla base di un universo collettivo direttamente e strettamente collegato alla tradizione cristiana. 

Da questo punto di vista, nell’articolo viene sviluppata, come elemento parallelo di lettura, l’evoluzione storica-visuale delle rappresentazioni delle “Madonne col Bambino” e della “Sacra famiglia”, dai primi secoli del cristianesimo sino al Rinascimento ed oltre, intese queste come immagini portatrici delle trasformazioni collettive si possono evidenziare gli sviluppi storici della coscienza collettiva in merito al tema della relazione della Madre col Figlio e della successiva posizione paterna nella triade familiare.

Come si è evoluta nel corso dei secoli l’immagine e, quindi, la dimensione collettiva culturale del rapporto madre-bambino? Quanto è impregnata di autenticità millenaria questo rapporto? Quando e in che forme si è consolidato ed evoluto il rapporto col padre?

L’invito è quello di cogliere e osservare l’evoluzione della posizione del padre all’interno della triade familiare da un angolo che segue lo sviluppo storico delle raffigurazioni della “Madonna col Bambino” prima e della “Sacra famiglia” poi, cercando di definirne il senso psicologico-relazionale a quelle sotteso.