x

x

Allergia al pesce

Allergia al pesce, crostacei e mitili

Dr. Valerio Langella Data pubblicazione: 06 ottobre 2015 Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2022

L'allergia ai pesci, ai mitili e ai crostacei è una reazione del sistema immunitario verso alcune proteine contenute in questi alimenti. L’ingestione di tali alimenti in individui sensibili può causare gravi reazioni (orticaria/angioedema, asma e shock anafilattico).

Caratteristiche dell'allergia al pesce

Circa la metà degli individui con allergia al pesce manifesta la prima reazione in età adulta; diversamente da altre forme di allergia alimentare specifica, la sensibilizzazione alle proteine del pesce, molluschi e crostacei è di solito di tipo permanente.

In teoria un paziente allergico a una specie di pesce reagisce (o è a rischio di reagire) ad altre specie per una reattività crociata tra gli allergeni principali del pesce, le parvalbumine. In realtà solo il 40% dei pazienti allergici a un pesce sarebbero allergici a un altro o a altri pesci.

Le componenti proteiche ​​responsabili di reazioni possono anche volatilizzare durante la manipolazione e/o cottura: caratteristiche di questo tipo di allergia alimentare è, quindi, la possibilità di scatenare eventi avversi anche gravi in cucina o in pescheria. 

Per approfondire:Cosa fare in caso di shock anafilattico?

Prevenzione

Come evitare la reazione allergica al pesce?

Per evitare spiacevoli e pericolose reazioni, come per le altre allergie alimentari, è necessaria una rigorosa prevenzione ed attenzione alimentare, al fine di evitare l’esposizione al pesce e, in generale, a tutti i derivati: bisogna quindi porre la massima attenzione al consumo di prodotti alimentari che possono essere contaminati o preparati con derivati del pesce, leggendo sempre le etichette degli ingredienti dei vari prodotti presenti in commercio.

In base a quanto esposto, i pazienti con anamnesi positiva per reazione al pesce e derivati, devono avere un atteggiamento alimentare estremamente prudente ed è pertanto consigliabile evitare il consumo di ogni tipo di pesce, soprattutto per i pazienti non sottoposti a test allergologici specifici (per esempio il prick test).

Finore non è comunque mai stata dimostrata una reattività crociata tra allergeni dei pesci e allergeni dei crostacei o dei molluschi. Un'eventuale polisensibilizzazione allergica è probabilmente la risultante di un substrato atopico favorevole a di sensibilizzazioni indipendenti.

Per coloro che hanno una sensibilizzazione specifica verso un solo tipo di pesce e per coloro che non vogliono rinunciare del tutto al consumo di altri e differenti tipi (pesce azzurro, crostacei, mitili etc.), vi è la possibilità eventualmente di valutare e approfondire con il medico tramite visita allergologica la possibilità di test allergologici specifici.

Sarà poi compito del medico allergologo fornire, di volta in volta, precise indicazioni, sulla base dei suddetti test e sulla base di imprescindibili valutazioni di natura etica e medica (rapporto rischio-beneficio).

Per approfondire:Le allergie alimentari

Autore

valeriolangella
Dr. Valerio Langella Allergologo, Medico internista, Pneumologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2004 presso SECONDA UNIVERSITA' DI NAPOLI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 31075.

3 commenti

#1
Utente 420XXX
Utente 420XXX

Buona sera, scrivo perchè negli ultimi 2/3 anni di tanto in tanto mi capita di soffrire di gonfiore intestinale, a volte abbastanza doloroso, associato a difficoltà ad espellere gas, occasionalmente anche a senso di nausea e difficoltà respiratoria. In passato mi capitava spesso di accusare tutti questi sintomi insieme anche se non sono riuscita a darmi una spiegazione. Col tempo ho imparato ad "ascoltare il mio corpo" e ad osservare le mie abitudini alimentari. Inizialmente credevo fosse un fatto psicosomatico dovuto allo stress, poiché accadeva quasi sempre di domenica pomeriggio, poi ho capito che il 90% delle volte in cui mi capita di star male, succede nel giro di mezz'ora/un'ora dopo aver mangiato del pesce, specialmente molluschi. Secondo lei questi sintomi possono essere riconducibili a una mia allergia/intolleranza o devo cercare altrove una spiegazione al mio malessere? Comunque ho in programma di consultare un medico e difare dei test specifici al più presto. Spero possa rispondermi al più presto.
Saluti, Rossella.

#2
Dr. Valerio Langella
Dr. Valerio Langella

Signora le sue osservazioni sono precise ed ovviamente meritevoli di essere approfondite. In realtà ho poco da risponderle poichè a mio giudizio deve fare una visita allergologica e dei test specifici (non è detto che sia una reazione IgE mediata, ma comunque va verificata o esclusa). Prima di cercare " altrove " i suoi sintomi meritano attenzione e, qualsiasi sia il risultato dei test, i miei colleghi saranno sicuramente capaci e bravi nel suggerirle il giusto percorso diagnostico o terapeutico da seguire.
Distinti saluti

#3
Utente 420XXX
Utente 420XXX

La ringrazio per aver risposto. Appena avrò il tempo mi farò prescrivere tutti i test del caso perché vorrei essere sicura di cosa mi fa male per non rischiare di più.
Cordilmente,
Rossella.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche allergia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Allergologia e immunologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio

Contenuti correlati