Ceramiche integrali in zirconia-ceramica metal-free

Dr. Maurizio MacrìData pubblicazione: 03 febbraio 2013

Le ceramiche integrali o metal-free sono restauri protesici privi di metallo.

La metallo-ceramica resta la protesi dentaria fissa più diffusa al mondo, infatti, il 93% circa di tutte le protesi dentarie convenzionali viene,ancor oggi, realizzata con un rivestimento ceramico cotto su una struttura di metallo.

La ceramica integrale è una protesi dentaria ancora di "nicchia" in quanto poco diffusa, operatore dipendente e che si avvale,in molti casi, di una tecnologia CAD/CAM.

Le ceramiche metal-free possono essere divise in due grandi famiglie:

1.Le ceramiche feldspatiche,vetrose ed a base di disilicato di litio
2. Le ceramiche ad alta resistenza (ceramiche avanzate). Le ceramiche ada alta resistenza includono l'Allumina e la Zirconia.

La zirconia-ceramica è una protesi metal-free ad alta resistenza indicata nei restauri protesici di corone e ponti fissi o come sottostruttura nelle protesi mobili ancorate agli impianti endo-ossei. L'impiego di tale materiale, in sostituzione della tradizionale metallo-ceramica, offre una serie di vantaggi: impiego di un unico materiale, leggerezza, massima estetica in spessori ridotti, assenza di saldature, alta precisione ed estetica al margine gengivale, alta biocompatibilità ed anallergicità. Tali risultati sono possibili grazie alla tecnologia CAD/CAM computerizzata che consente fasi e tempi di lavorazione ridotti.

Gli svantaggi sono legati al fatto che non è possibile impiegare la zirconia-ceramica in ponti eccessivamente lunghi, alla rigidità del materiale ed alle possibili complicanze legate non solo alle fratture, ma anche ad una possibile sofferenza del parodonto (tessuto di sostegno del dente: osso, gengiva e legamento). L'impiego della zirconia-ceramica è una tecnica che, più delle altre, necessita di un operatore altamente specializzato, di esperienza clinica in ambito protesico che si avvalga di un odontotecnico ugualmente qualificato..

Autore

mauriziomacri
Dr. Maurizio Macrì Dentista, Gnatologo

Laureato in Odontoiatria nel 1991 presso Università degli Studi di Napoli.
Iscritto all'Ordine degli Odontoiatri di Napoli tesserino n° 852.

2 commenti

#1
Utente 289XXX
Utente 289XXX

Molto chiaro........... Quando vale la pena sostituire i vecchi ponti con altri nuovi in zirconia ceramica? Come faccio a valutare la differenza di risultato?

#2
Dr. Maurizio Macrì
Dr. Maurizio Macrì

Quando sorge l'esigenza di rimuovere un vecchio ponte di metallo ceramica per motivi di carattere funzionale o estetico o per carie e/o infiltrazione dei monconi, consiglio sempre, come prima indicazione, di considerare un nuovo manufatto protesico in zirconia-ceramica. Il "valerne la pena" di cui mi scrive, è legato alle esigenze del singolo soggetto che sorgono nel momento in cui non si ritiene più soddisfatto da un punto di vista esclusivamente estetico.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Odontoiatria e odontostomatologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.