La creatività è il gesto della natura racchiuso in ogni pensiero, in ogni voce, in ogni emozione, in ogni movimento. E’ la traccia che disegna tutte le cose visibili e invisibili: l’amore, l’arte, la preghiera, il contatto con l’aria ad ogni atto del respiro.

La storia dell'universo, dell'umanità e la storia personale di ogni uomo sono opere di fenomeni creativi. La realtà stessa, così come noi la vediamo e la viviamo ogni giorno, è il prodotto delle nostre creazioni, delle nostre interpretazioni, del modo in cui entriamo in relazione.

Nell’esecuzione creativa risiede il germe della nostra esperienza di essere al mondo, la dimensione più intima, l’impronta più nascosta, la gamma dei sentimenti profondi con cui assaporiamo la vita momento per momento.

Il processo creativo genera un percorso di crescita e cambiamento in cui è insita la funzione psicoterapica; d’altro canto la psicoterapia stessa trova, a sua volta, fondamento nella messa in scena del potenziale creativo. Creatività e psicoterapia s’incontrano, dunque, in un connubio dal legame irriducibile, ove l’espressività viene favorita e liberata nella sua forma più autentica, ad onorare la natura spontanea dell’uomo che è artista in ogni momento della sua esistenza.

La stanza di psicoterapia rappresenta, in questa ottica, il luogo in cui potersi mostrare, con tutto il proprio bagaglio di passioni e fantasie, in cui essere “semplicemente” se stessi, spogliati della maschera sociale.

Dott.ssa Veronica Iorio
Psicologa - Psicoterapia della Gestalt e Analisi Transazionale