Tra gli eventi maggiormente spiacevoli nell'arco della vita, vi è senza dubbio il vivere la perdita di una persona cara.

Apprendere una notizia del genere, provoca immancabilmente sgomento e incredulità, accompagnate da un senso di disperazione. Sensazioni di stordimento caratterizzano questa prima fase di shock che può durare da qualche ora a qualche giorno con importanti emozioni di rabbia e dolore. In questa fase, inoltre, possono emergere meccanismi di negazione, di evitamento del ricordo o di fuga, meccanismi che la mente mette in atto per difendersi e aggirare il dolore.

Tali meccanismi sono normali e non devono essere considerati problematici, in quanto il lutto stesso non è una patologia ma un processo delicato che richiede tempo, e porterà gradatamente la persona ad accettare la perdita del proprio caro. In questa fase è fondamentale accogliere il dolore e riconoscere le proprie emozioni, dar sfogo ai propri stati d'animo e per chi circonda il sofferente, non forzare né incoraggiare a tutti i costi a star meglio. Sono, inoltre, da evitare frasi che "negano" e"bloccano" la normale espressione delle emozioni.

Con il trascorrere del tempo, la persona comincia a prendere atto della realtà della perdita, oscillando tra angoscia e disperazione da un lato, e rifiuto di tale consapevolezza dall'altro. Il senso di speranza continua ad esser presente, così come l'attesa e il desiderio che il proprio caro possa ritornare. Questa fase è molto più ampia in ordine di tempo, può infatti durare da qualche mese a qualche anno, e dal punto di vista psicologico può esser caratterizzata da irrequietezza ed eccessiva preoccupazione verso il proprio caro che non c’è più. Tra le emozioni preponderanti in questa fase, vi è inoltre la rabbia. Essa può essere rivolta verso sé stessi, verso amici o familiari, verso cause naturali o circostanze di vita, oltre che verso le cause del decesso. Sono, infatti, molti i pensieri di ingiustizia, impotenza e perdita di controllo. Per tale ragione anche in questa fase, è fondamentale il ruolo svolto da chi circonda la persona quotidianamente. E' infatti importante accogliere le emozioni provate, permettere la loro espressione senza provare sentimenti di colpa.

Dover convivere con tali emozioni e non potendo a lungo negare quanto accaduto, la fase successiva, consiste proprio nell'acquisirne consapevolezza. È una fase in cui si luttooscilla tra disperazione ed apatia, la persona comincia ad accettare la perdita ma tende a chiudersi in sé stessa, a diventare apatica ed indifferente, tante volte non riesce a dormire, perde peso, sente quasi che la propria vita abbia perso di significato, dunque non riesce a provare interesse per i progetti futuri. La grande delusione è comprendere che il proprio caro non tornerà indietro e la realtà non potrà cambiare, ciò che resta sono i ricordi, i momenti trascorsi insieme e il legame che ha unito le persone in vita. Tra le emozioni preponderanti vi è la paura di dimenticare il proprio caro. È questo il tempo nel quale occorre aiutare la persona a mantenere vivo il ricordo attraverso racconti di momenti di vita passati insieme. Spesso in famiglia si evita l'argomento, diminuisce la comunicazione e ci si isola all'interno del contesto di appartenenza, mentre invece una modalità efficace per vivere la perdita nel miglior modo possibile, è dato proprio dalla qualità delle relazioni familiari. Più esse sono insoddisfacenti e più l’evento morte sarà visto come negativo e fonte di stress. 

Ancor più delicato se l'evento luttuoso coinvolge in prima persona i bambini. Essi vanno coinvolti nella "ricostruzione dell'evento" anche attraverso foto e disegni dei bei momenti trascorsi insieme per aiutarli a conservare il positivo di quella relazione.

Chiedere un supporto psicologico in situazioni di lutto è difficile, ma a volte necessario laddove a distanza di tempo ci si renda conto che forse non si sta gestendo il lutto nella maniera più opportuna. Un sostegno psicologico per il lutto, non significa aiutare la persona a non soffrire più, quello sarebbe irrealistico, significa invece trasformare le emozioni di rabbia, paura e senso di colpa, in ricordi e senso di vicinanza sebbene il proprio caro non sia più presente fisicamente. Significa riconoscere le emozioni provate e ricevere il supporto di un professionista in un momento in cui ci si sente spesso soli, abbandonati ed impotenti.

Dott.ssa Claudia Giusi Giuffrida Psicologa