Io, tu, l'altra/o: perché si tradisce?

Dr.ssa Valentina NappoData pubblicazione: 25 maggio 2019

Da quando ho cominciato a svolgere l'attività di Psicoterapeuta delle coppie, ho avuto modo di riscontrare come molte richieste di aiuto provenissero da partners uniti fra di loro da relazioni non ufficiali, amanti intrappolati in relazioni impossibili ma affettivamente irrinunciabili, o da mariti/mogli traditi/e dal/la compagno/a.

Il denominatore comune a queste situazioni è il tradimento, sebbene ruoli, aspettative e motivazioni alla terapia cambino notevolmente da caso a caso.

Il numero di persone sposate che hanno relazioni extraconiugali stabili è impressionante.

PERCHE’ si TRADISCE?

Per libertinaggio? 
Per trasgressione? 
Per divertimento?

Forse.

L'adulterio è un comportamento molto complesso che sottende dinamiche, bisogni e motivazioni profonde molto varie e non riducibili ad un'unica semplicistica categoria interpretativa. Come tale, richiederebbe una trattazione più approfondita e complessa, e non è questo lo scopo del presente post.

Vorrei in questa sede soffermarmi su un aspetto di comune riscontro negli infedeli seriali, ovvero in quelle persone che hanno la porta di casa sempre aperta, che hanno bisogno di cambiare e di provare l'adrenalina dei nuovi incontri.

Sebbene spesso in apparenza comunichino altro e non ne sia presente alcuna consapevolezza, su un piano più profondo si nasconde una forte INSICUREZZA e il bisogno di DIPENDERE da qualcuno, che tuttavia non equivale alla capacità di amare e di impegnarsi. 

In tal senso, l’adulterio potrebbe configurarsi come la strategia di sopravvivenza di chi ha così tanta paura di rimanere solo da ricercare nell’amante una garanzia (illusoria) contro la solitudine, di chi per esorcizzare la paura di invecchiare ha narcisisticamente bisogno di impegnarsi in nuove eccitanti sfide che lo facciano sentire vivo.

Naturalmente, quanto esposto non vuole rappresentare un mezzo di giustificazione, ma un tentativo di comprensione che necessita, per una più completa analisi, della valutazione delle dinamiche della coppia in essere.

Autore

valentinanappo
Dr.ssa Valentina Nappo Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 2008 presso La Sapienza.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Campania tesserino n° 4175.

2 commenti

#1

Sicuramente c'è un bisogno di conferme narcisistiche, ma anche la difficoltà a passare dalla coppia alla famiglia, la caduta della comunicazione all'interno della coppia, la perdita dell'intimità delle anime, prerequisito dell'intimità dei corpi.. molte cose complesse e sottili, ma anche il fascino della trasgressione più potente di quanto non sembri , e tanto altro..

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio