Perdita memoria dimenticanze

Quando preoccuparsi delle "piccole" dimenticanze quotidiane e chiedere un consulto neuropsicologico

Nel corso della vita, ci troviamo tutti di fronte a momenti di smarrimento e dimenticanza. Talvolta, i pazienti giungono al consulto con preoccupazioni legate a episodi di smemoratezza, riferendo ansie che potrebbero risultare di poco conto ma che è giusto indagare attentamente.

È essenziale, infatti, distinguere tra le dimenticanze quotidiane e i segnali di una condizione più seria.

Dimenticanze comuni

Le leggere dimenticanze, come dimenticare dove si è messo il telefono o il nome di un conoscente, sono parte della vita di tutti. Questi episodi di perdita di memoria occasionale spesso non sono motivo di preoccupazione. Stress, stanchezza e distrazione possono contribuire a momenti di smarrimento temporaneo.

Quando essere cauti?

Sebbene la maggior parte delle dimenticanze sia innocua, è importante prestare attenzione a segnali più gravi. Se i lapsus di memoria diventano persistenti, interferiscono con la vita quotidiana o vengono accompagnati da altri sintomi come confusione, difficoltà di concentrazione o cambiamenti nell'umore, potrebbe essere il momento di considerare una valutazione più approfondita.

Gestire l'ansia

L'ansia legata alle preoccupazioni sulla perdita di memoria può peggiorare la situazione. È fondamentale mantenere un approccio equilibrato e pragmatico.

Sebbene la ricerca online possa fornire informazioni utili, consultare un professionista della salute mentale è il passo più sensato per affrontare le preoccupazioni.

Qual è il ruolo della valutazione psicologica?

La valutazione psicologica svolta da un neuropsicologo gioca un ruolo cruciale nel comprendere le dimenticanze persistenti.

Attraverso test accurati e approfonditi, questi esperti possono identificare con precisione le capacità cognitive e distinguere tra normali cambiamenti legati all'età e segnali di condizioni più serie. La valutazione fornisce una base solida per una diagnosi chiara, permettendo ai pazienti di affrontare la situazione con maggiore chiarezza e consapevolezza.

In conclusione, è normale essere consapevoli della propria salute cognitiva, ma è altrettanto importante evitare l'ansia eccessiva. Se le preoccupazioni persistono, consultare un neuropsicologo può essere il passo chiave per una valutazione accurata.

La gestione delle preoccupazioni sulla memoria richiede un approccio bilanciato, dove la consapevolezza personale si combina con l'esperienza di professionisti della salute mentale.

Per approfondire:Tutto sui disturbi della memoria

Data pubblicazione: 23 novembre 2023

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche memoria 

Contenuti correlati