Le calcificazioni patologiche che si verificano in varie parti del nostro corpo possono causare la formazione dei calcoli. La struttura dei calcoli è simile in molte regioni del corpo. Sono state studiate la relazione tra calcoli dentali eccesso di tartaro e calcoli renali. Il calcolo dentale, chiamato anche denticulus, è una degenerazione calcificata della dentina. Esso consiste in un ammasso di dentina posizionato in maniera fissa o mobile all’interno della camera pulpare di un dente, il tartaro invece lo conosciamo tutti. In uno studio multicentrico tra l'aprile e l'agosto 2016 sono stati inclusi in 183 pazienti con calcoli dentali nel Cagri Dental Hospital di Elazig, in Turchia. I pazienti sono stati valutati per quanto riguarda l'ecografia del tratto urinario, l'analisi delle urine, l'igiene orale e la storia della malattia della calcolosi e chirurgica. Tutte le informazioni sono state studiate statisticamente.

 

 

 

 

Risultati: l'età dei pazienti nel gruppo dei calcoli renali era significativamente più alta rispetto ai pazienti con calcoli renali (p <0.05). Nel gruppo con calcoli renali, la percentuale di formazione del tartaro dentale era significativamente più alta rispetto al gruppo senza calcoli (p <0,05). Nei gruppi con e senza calcoli renali, i tassi di recidiva dentale non differivano significativamente (p <0,05). Il pH urinario era significativamente più basso nel gruppo con le pietre rispetto al gruppo senza calcoli (p <0,05).

Conclusioni: durante un esame fisico, la presenza di un formazione visibile, come il tartaro dentale, può essere un indicatore di altri tipi di calcolosi, come i calcoli renali, e questo dovrebbe essere ulteriormente studiato.

 

Per approfondire:

https://doi.org/10.4081/aiua.2018.3.159

 

Logo medicitalia.it