Utente
Gentili Dottori
ho subito due mesi fa un intervento di gluteoplastica post chirurgia bariatrica.
L'intervento ha richiesto molte settimane di riposo e mi ha dato risultati insperati. Però a circa due mesi, quando ogni pericolo sembrava passato ho iniziato 10 giorni fa ad intuire un lieve dolore all'interno della natica destra, che scompariva al mattino e tornava durante il giorno. Ieri durante una passeggiata mi accorgo che ad ogni passo sollecita un dolore più costante e più elevato, a casa allo specchio non noto nulla ma al tatto il punto dolorante sembra più gonfio e caldo.
Questa mattina, quasi non riesco a camminare, ogni movimento della gamba destra mi fa vedere le stelle, percepisco e vedo chiaramente un gonfiore, come se internamente ci fosse qualcosa che sta maturando.
Io ho subito un lifting della pelle, un rimodellamento dell'adipe presente e la ricollocazione dei muscoli. Premetto che esternamente a parte il rigonfiamente non si vede nulla... sto preventivamente prendendo un antibiotico ma vi chiedo: nel caso di qualcosa che sta accadendo dentro, un chirurgo come procede per comprendere?? L'unico modo che ha per comprendere e risolvere è tornare in sala operatoria?
Io penso ad un accumulo di sangue o rifiuto di un puntino interno, potrebbe riassestarsi semplicemente con qualche giorno di riposo ed antibiotico?

Grazie per le eventuali risposte

[#1]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Rispondo alle sue domande:
nel caso di qualcosa che sta accadendo dentro, un chirurgo come procede per comprendere??
La visita diretta del suo chirurgo è fondamentale, un'ecografia o una risonanza potrebbero portare informazioni su eventuali raccolte sottocutanee.
L'unico modo che ha per comprendere e risolvere è tornare in sala operatoria?
Assolutamente no. La prima fase è sicuramente di osservazione clinica, con antibioticoterapia, esami ematochimici e esami strumentali.
Io penso ad un accumulo di sangue o rifiuto di un puntino interno, potrebbe riassestarsi semplicemente con qualche giorno di riposo ed antibiotico?
Potrebbe ma vado presto dal suo chirurgo plastico
Saluti

Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Bollero, la ringrazio per la risposta. Lascio un piccolo aggiornamento per chi passerà a leggere.
Dopo aver parlato con il mio chirurgo ho deciso di non andare in ambulatorio e di attendere qualche giono, ho iniziato cura antibiotica ed anti infiammatoria per due giorni. Oggi improvvisamente senza alcun sintomo che lo preannunciasse ho iniziato a sgocciolare siero e piccole parti di sangue. In ambulatorio sono stata strizzata (dolorosissimo) e mi hanno inserito dentro della garza. Dovrò fare frequenti medicazioni, e continuare la cura antibiotica.
Una piccola sfortuna, che con un po' di pazienza curerò.