Utente
Buonasera ho 31 anni e da circa 6 mesi a questa parte, tutte le volte che ho il ciclo mestruale ho forti dolori all'ano.
Per tali motivi ho fatto una visita ginecologica con relative ecografie transvaginali anche durante il ciclo e dalle quali non è risultato nulla di anomalo. Inoltre per il pesistere dei fastidi e sul consiglio del ginecologo, ho anche effettuato una colonscopia la quale ha dato anch'essa un esito negativo. Io comunque continuo ad avere queste fitte dolorose all'ano.
Infine premetto che da sei mesi assumo PAROXETINA nello specifico DAPAROX da 20mg al giorno per curare gli attacchi di panico.
Un'ultima domanda:-il ginecologo, prima di sottopormi ad ecografia, ha sospettato un'endometriosi e quindi mi ha prescritto l'esame per il CA-125 che è risultato alterato, avendo un valore di 174. Tale sospetto è stato smentito dall'ecografie successivamente effettuate;
la paroxetina può causare un aumento di questo valore?
Se mi aiutate a capire cosa possono essere queste fitte dolorose all'ano e da cosa possono dipendere, ringrazio cordialmente

[#1]  
La comparsa di dolori alla pelvi, e quindi ai vari organi interessati, non è rara nelle prime fasi del flusso mestruale, specie per le donne che hanno mestruazioni molto dolorose (Dismenorrea). I dolori pelvici sono secondari alla liberazione di sostanze ad azione infiammtoria (prostaglandine) che una volta dismesse sono attive su tutte le strutture confinanti. Il canale anale è coontiguo alla parete vaginale, e non è strano che poissa essere coinvolto. Se il ciclo mestruale è regolare, e se la donna "sente" arrivare le mestruazioni, assumere un farmaco antiinfiammatorio (ad esempio ibuprofene, 400 mg ogni 6 - 8 ore) prima che inizi il dolore, aiuta a contrastare le prostaglandine, ed attenua significativamente tutti i sintomi.
Relativamente al CA 125, questo marker non è esclusivo della endometriosi, ma può innalzarsi anche in malattie dell'ovaio o del pancreas. Poichè esistono anche gli errori di laboratorio, non mi accontenterei di una unica misurazione, ma ripeterei l'esame, che se si conferma alterato necessiterà di essere chiarito, ed il Medico di famiglia saprà perfettamente come agire.

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio per il suo consulto e vorrei approfittare della sua gentilezza per chiederle:-
visto che ho già eseguito due ecografie transvaginali ed il ginecologo mi ha detto che le ovaie erano a posto e non si evidenziava nessuna traccia di endometriosi, nonchè anche una pancolonscopia con esito sempre negativo, a questo punto vorrei sapere per controllare anche il pancreas a quali tipi di esami dovrei sottopormi;
intanto ripetero' come da lei suggeritomi, l'esame del ca-125 e proverò ad assumere l'antinfiammatorio prima dell'arrivo del ciclo; infine il medico dove io ho fatto l'esame per il colon, mi ha detto di applicare una pomata ANTROLIN due giorni prima e durante il ciclo per alleviare le fitte all'ano; la saluto nuovamente e la ringrazio

[#3]  
Rispondo in ordine di quesito:
1) lo studio del pancreas può essere effettuato in vari modi; i principali sono lo studio della sua struttura (morfologia) che si avvale innanzitutto dell'ecotomografia ( e, in caso di dubbio, di tecniche più sofisticate: tomografia computerizzata, risonanza magnetica); oppure lo studio del suo funzionamento, dosando come prima cosa due enzimi prodotto da questa ghiandola, cioè lipasi ed amilasi. Poi si vedrà. Però. e ci tengo a ripeterlo, controlliamo il valore del CA 125, poi ne riparliamo. Il suo Medico saprà certamente interpretare il problema.
2) la pomata suggeritale contiene un anestetico ed un "rilassante muscolare" (calcioantagonista), e potrebbe essere un'ottima idea. segua il consiglio del Medico che l'ha vista.
Auguri.

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottore per i suoi chiarimenti; è sempre bene procedere per gradi, quindi ripeterò al più presto gli esami per il ca-125 e poi le farò sapere; la ringrazio ancora e cordialmente la saluto.-

[#5]  
Attivo dal 2006 al 2008
Gentile utente


sicuramente le consiglio di effettuare come il collega ca 125 e

controllo mediante esami strumentali del pancreas per avere chiarezza

diagnostica.

Il farmaco che e' stato indicato puo' esserle utile nell'alleviare i

disturbi anali durante il ciclo trattandosi di un buon anestetico

con principio attivo di rilassante muscolare.



DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA
_____________________________