Utente 399XXX
Buongiorno,
sono in possesso di due certificazioni: con la prima sono stato riconosciuto portatore di handicap ai sensi della legge 104/92 art. 3 comma 1 e con la seconda sono stato riconosciuto invalido con percentuale 35%.
In entrambi i verbali della C.M., le patologie diagnosticate e certificate sono:
seminoma con orchiectomia dx;
aneurisma arteria succlavia dx con sindrome dello stretto toracico superiore in costa cervicale bilaterale;
spondilodiscoartrosi cervicale.
Essendo un dipendente pubblico interessato a fare domanda di trasferimento, mi chiedo se queste certificazioni possano essere sufficienti per avere diritto alla precedenza ai sensi dell'art. 21 della legge 104/92.
In particolare: le prime due patologie (seminoma e aneurisma arteria succlavia) possono essere considerate iscritte alla categoria seconda della tabella A annessa alla legge 648/50, ai punti 13 e 15?
In caso affermativo, sarebbero sufficienti le certificazioni di handicap e invalidità in mio possesso per dimostrare l'eventuale diritto di precedenza ex art. 21 oppure sono necessari altri adempimenti?
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

a mio parere le infermità da cui riferisce di essere affetto potrebbero rientrare nelle fattispecie previste dalla citata Legge 648/50, seconda categoria, voci 13 (Gli aneurismi dei grossi vasi arteriosi del tronco e del collo, quando per la loro gravita' non debbano ascriversi al numero 22 della prima categoria) e 15 (Le lesioni ed affezioni gravi e permanenti dell'apparecchio genito-urinario), in quest'ultimo caso in funzione dell'eventuale follow-up in atto.
A tal fine dovrebbe far fede il verbale di riconoscimento della condizione di "invalido civile", ovvero qualsiasi altra certificazione, rilasciata da struttura pubblica, che riporti le diagnosi in questione, atteso che la percentuale di invalidità civile attribuitaLe non è superiore ai 2/3 (ossia è minore del 67%).

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]