Utente 875XXX
Buongiorno, sono disperata, a febbraio, esattamente l'8/02/2017 mio nipote di anni 43 è stato operato per un tumore maligno al rene, prima hanno tentato con i buchi, ma poi visto la gravità e l'estensione del tumore hanno tagliato. Rene asportato più grossa massa piena di sangue più linfonodi non ricordo quanti e un pezzo di uretra. Finito l'operazione il chirurgo ci aveva assicurato che era stato pulito per bene. Dopo un mese circa l'istologico indicava tutto negativo, anche la pet successivamente fatta tutto negativo. Mio nipote ha ripreso a lavorare dopo 40 gg circa. Ieri sera la notizia tragica, fatto tac, visita oncologo e due noduli così li hanno definiti uno attaccato all'aorta e l'altro peritoneo (mi sembra che sia così il nome). Come è possibile????? Dopo tre mesi da un'operazione detta dai chirurghi ben riuscita e tutto ripulito per bene trovarsi in questa condizioni? Lo so che sarà difficile rispondere, ma io vorrei che mi consigliaste un bravo chirurgo per questo tipo di tumore , noi siamo di Torino e non importa in qualsiasi città siamo disposti a venire purchè si risolva questa tragedia. Mi scuso per gli errori di grammatica ma sono disperata. Anticipatamente ringrazio e saluto.
Rosanna

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Comprendiamo certamente la sua apprensione, ma per esprimere un giudizio circostanziato sarebbe necessario conoscere molti dettagli in più sul caso di quelli che lei ci fornisce. Questo è molto difficile da realizzarsi a distanza. Certamente si continua a trattare di una situazione complessa, probabilmente con un tumore particolarmente aggressivo del rene, come talora si rileva nei soggeti in età relativamente giovane. Il riscontro di recidive, verosimilmente a carico dei linfonodi, purtroppo non può veramente stupire. Possiamo immaginare che si tratti di una situazione non di interesse chirurgico, ma oncologico medico e su questa via certamente si muoveranno i nostri Colleghi che stanno seguendo il caso. Essi sono senz'altro i promi a doversi esprimere. Per il resto noi non possiamo per motiovi di correttezza fornire consigli su strutture o singoli professionisti con riferimento al singolo caso specifico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing