Utente 547XXX
Gentili Dottori, Buonasera!
Mi chiamo Antonio e sono un aspirante medico odontoiatra. Ho 26 anni e, sebbene abbia lasciato gli studi un po di tempo fa, ho deciso di riprendere in mano i libri e coronare il mio sogno di diventare dentista.
Tuttavia la mia principale ambizione è quella di servire il mio territorio di uno studio indirizzato ai trattamenti chirurgici che vanno oltre la classica estrazione e che purtroppo ancora oggi mancano.
Da quest'obbiettivo sono dunque nati dei dubbi che spero riusciate a risolvere, scusandomi anticipatamente se le mie domande possano non essere di Vostro gradimento.
Dovendo e volendo indirizzarmi alla chirurgica vorrei sottoporre alla vostra attenzione le seguenti perplessità:
1) Può un laureato in odontoiatra e protesi dentaria eseguire interventi chirurgici? Se si quali?
Leggevo su internet, come spesso accade, informazioni assai contrastanti e la confusione è soltanto aumentata. C'è chi sostiene che l'odontoiatra moderno non possa operare nessun caso in particolare, operazioni riferite ai soli medici del vecchio ordinamento ed in possesso sia di una laurea in medicina che della specializzazione in odontostomatologia. Quest'affermazione a mio avviso crea un certo conflitto perché se fosse vera verserebbe nel controsenso, come fa un odontoiatra a non poter eseguire nessun intervento chirurgico potendosi però ugualmente cimentare nell'implantologia? Se così fosse potrebbe solo mettere impianti e sarebbe strano vista la relativa invasività della tecnica rispetto all'enucleazione di una cisti piuttosto che ad una regressione gengivale, tecniche dalle quali sarebbe precluso. La cosa più logica sarebbe che potrebbe fare altri interventi ma quali?
2) Se potesse eseguire rialzi di seni mascellari, enucleazioni di cisti e trattare chirurgicamente la regressione gengivale, oltre l'installazione degli impianti, l'odontoiatra farebbe già della chirurgia ma a quel punto a cosa servirebbe la specializzazione in chirurgia orale (odontostomatologica)?
2a) Eventuali master possono aumentare le possibilità di eseguire interventi chirurgici qualora fosse richiesta la specializzazione e l'odontoiatra avesse la sola laurea in odontoiatra e protesi dentaria?
In attesa di un vostro cortese riscontro spero possiate accogliere la mia richiesta come forma di consulto preuniversitario, aiutando un ragazzo che ama la vostra professione. Mi auguro di non avervi arrecato troppo disturbo,
Antonio.

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile futuro collega, i medici del vecchio ordinamento ed in possesso sia di una laurea in medicina che della specializzazione in odontostomatologia, sono destinati a scomparire, perché sostituiti dagli odontoiatri che possono eseguire tutti interventi chirurgici su tessuti molli e duri con accesso dal cavo orale, anche senza la specialità in chirurgia odontoiatrica e un medico con specialità in chirurgia teoricamente non può accedere dal cavo orale. Tutto quello che si trova in Internet non è mai affidabile.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 547XXX

Gentile Dott. Diego Ruffoni, la ringrazio moltissimo per la sua risposta di grande utilità e soprattutto conforto; in effetti non immagina quanto sia bello leggere la sua testimonianza!
Ovviamente pur di cimentarmi con la chirurgia odontostomatologica (mia vera passione), seguirei anche la specializzazione in quel futuro tanto sognato ed altrettanto ambito ma è anche vero che ho già 26 anni e, se dovessi anche obbligarmi alla specialistica, concluderei il mio percorso ad un età piuttosto avanzata e mi toccherebbe investire almeno altri 3 anni oltre la laurea, periodo che invece vorrei destinare alla mia realizzazione sul campo.
Già che ci sono vorrei rubarle (o quanto meno spero di riuscirci) solo qualche altro istante e le rivolgo le seguenti domande:
1) E' vero che il tirocinio riguardante il corso in odontoiatria prevede "l'addestramento" su cadavere?
Ho letto sempre in rete che a volte vengono utilizzate delle teste (prelevate da cadavere) e non le nascondo la paura di ritrovarmi difronte ad una situazione così sgradevole..
2) Quali vantaggi comporta la frequenza di un master in chirurgia orale?
In attesa di un suo ultimo e cordialissimo riscontro, la ringrazio ancora moltissimo per la pazienza e la gentilezza dedicatami!

[#3]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Purtroppo no, in Italia non è possibile lavorare su cadavere, le esercitazioni sono su modelli di plastica. In certe università forse è possibile assistere a qualche autopsia. Università, master altri titoli, danno solo delle basi, l'esperienza si fa sul campo di battaglia, con dei sacrifici abbastanza importanti.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/