Utente 464XXX
Salve, mia madre il 5 settembre è stata operata di una ciste tumorale ovarica con asportazione completa di utero e ovaie. La ciste aveva comportato la rottura e di conseguenza la formazione di liquido in addome. Il primario ha effettuato l’intervento nel miglior modo possibile, infatti dati gli esami e data la sua parola, nel suo corpo non è più presente nessuna cellula tumorale. Siamo in attesa del risultato istologico, anche se già il primario, nonostante non abbia più nel corpo la presenza di cellule tumorali, ci ha detto che deve fare sicuramente qualche ciclo di chemio “leggera” per una prevenzione futura. Chiedo il vostro aiuto. Pensate sia giusto farla?

[#1] dopo  
Dr. Gianfranco Conti

24% attività
0% attualità
8% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Cara utente 464522, per poterle dare un consiglio appropriato dovremmo avere la diagnosi istologica della cisti ovarica asportata.
Da quello che lei riferisce i procedimenti presi e quelli futuri dell'equipe medica che hanno in cura la sua mamma, appaiono corretti.
Per consigli più precisi necessita la diagnosi istologica e la stadiazione della malattia.
Cordiali saluti
Dr. GIANFRANCO CONTI