Utente cancellato
Gentilissimo dottore mio figlio da circa un mese ha febbricola che durante la giornata sale e scende da 36,4 a 37,3 la notte scende anche a 35,6...visitato dal pediatra tutto ok,mangia dorme insomma sembra tutto nella norma,il pediatra per scrupolo le ha dato l'antibiotico per una settimana ma la cosa non e'per niente invariata,l'unica cosa e' che il bambino sta mettendo le mole inferiori....abbiamo fatto due volte le analisi del sangue la prima volta tutto nella norma anche ves pcr creatina transaminasi,tranne globuli bianche 21.00 neutrofili # 13,56 piastrine 550(150-350)....dopo una settimana rifatte le analisi (il giorno dopo che aveva finito di prendere l'antibiotico) globuli bianche 11.00 neutrofili 3.5 piastrine 505 ves pcr globuli rossi emoglobina tutto nella norma a dire del pediatra le analisi sono perfette per un bambino di 21 mesi....ma la febbricola permane....non penso sia fisiologica anche perche'prima arrivava massimo 36,4....non so che pensare,analisi urine negative...l'antibiotico che ha fatto era per cura generale...ripeto senza che il medico abbia trovato nulla...da cosa puo' dipendere questa febbricola?GRAZIE

[#1]  
40088

Cancellato nel 2010

Gentile signore,
Le invio un mio contributo scientifico di alcuni anni fa.



La prova ipnotermometrica nella febbre di natura indeterminata
( “ Rubrica Lettere”-Medico e Bambino )



La febbricola persistente è qualche volta fonte di preoccupazione. Le condizioni patogene sono tante. Una condizione non patogena, tutt’altro che rara, è la cosiddetta “ febbre funzionale o neurogena”, dovuta a motivazioni neuro-psichiche. Un'altra condizione non patogena è la febbricola che si presenta ,a volte, dopo stress fisico. Ad esse si fa cenno solo nelle specifiche monografie.Di regola , nei casi di febbre di natura indeterminata, per escludere una causa patologica si effettuano un’ accurata anamnesi, l’esame obiettivo e gli esami di laboratorio,( soprattutto VES e P.C.R. ). Ma per un immediato orientamento eziologico si può ricorrere ad una prova molto semplice, che si può definire Prova ipnotermometrica. Se si tratta di un bambino, si consiglia alla mamma di controllare la temperatura subito dopo l’addormentamento. Come io ho potuto osservare, la febbre di origine neuropsichica o da stress scompare dopo il sonno, ricompare dopo lo stato di veglia. Nell’adulto si consiglia di effettuare la stessa prova, mezz’ora circa dopo essersi coricato, quindi in condizioni di rilassamento.
Cordiali Saluti.

Dr. Antonio Mariggiò
Specialista in Pediatria
Manduria (TA)