Utente cancellato
Buongiorno,
grazie infinite per il servizio che offrite..... avrei una curiosità.
Ho avuto due gravidanze e per entrambe mi è stata fatta l'iniezione necessaria per la profilassi per incompatibilità materno fetale, in quanto io sono A Rh negativo e mio marito A Rh positivo.
Ho chiesto il gruppo sanguigno del neonato e mi è stato risposto che si tratta di un prelievo fatto dal cordone ombelicale e quindi non attendibile e affidabile, comunque mi è stato riferito essere A Rh positivo. Potrebbe essere comunque quello giusto?
Volevo sapere se è vero che il sangue prelevato dal cordone non sia effettivamente attendibile e come mai allora è stato trascritto in cartella clinica il gruppo sanguigno relativo a quel prelievo oppure quel gruppo è effettivamente il gruppo sanguigno del neonato....

Inoltre una curiosità da genitori con entrambi gruppo sanguigno con fattore Rh negativo (ad esempio A Rh neg e 0 Rh neg) è vero che non possono nascere figli con gruppo positivo?

Ringrazio infinitamente per una pronta risposta.
Cordialmente,



[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora, suo figlio potrebbe anche essere un O Rh+, avendo potuto prendere la positività RH solo dasl padre ma il gruppo 0 sia da lei che dal padre.

Il problema della trasmissione dei caratteri genici,compreso quello delle caratteristiche del sangue è complesso perchè sulla membrana dei globuli rossi ci sono 6 tipi di antigeni (C-c; D-d, E-e) ed è quello D che determina maggiormente i problemi di incompatibilità materno fetale per quanto concerne il fattore Rh.

Tenga presente che due genitori di gruppo A possono anche avere figli di gruppo zero... ma sicuramente se entrambi non hanno il fattore Rh al figlio non potranno trasmetterlo.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi