Utente cancellato
Buongiorno Cari Dottori,
sono una giovane moglie e da tempo mi affligge un problema.
Mio marito russa!!!
Come pptete ben immaginare questo comporta dei disagi sia a Lui che a me che ovviamente non riesco a riposare bene.
Abbiamo deciso insieme che forse sarebbe saggio che Lui si operi.
Ho sentito parlare della terapia laser c02 uvulofaringopalatoplastica e volevo avere un Vostro parere...Lui e' stato gia' operato circa 15 anni fa al setto nasale per una leggera deviazione del setto nasale, soffre sporadicamente di apnea notturna , spesso si sveglia di notte, e' in normopeso ed ha la sinusite. Ha provato varie soluzioni ma per ora nulla da fare.
Ha controindicazioni? inoltre esistono altri interventi?
Strutture idonee dalle parti di como-milano? e' mutuabile oppure su che costi si aggira?
Vi ringrazio se vogliate essere chiari, semplici ed esaustivi.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, l'apnea nel sonno ed il russare notturno rappresentano un conflitto tra la lingua e le strutture molli del retrobocca (palato molle, tonsille, adenoidi, retrofaringe)
Il russare è dato dalla vibrazione del palato molle dovuto al fatto che l'aria inspirata dalla bocca, e non dal naso come sarebbe auspicabile,(il paziente infatti ha spesso la gola secca e la notte sente il bisogno di bere) trova uno stretto passaggio tra il palato stesso (e le tonsille, specie nei bambini) e la lingua. Abitualmente si é soliti considerare, anche chirurgicamente (tonsillectomia, plastica del velo pendulo) solo una di queste componenti anatomiche, e cioé quella posteriore, e non si pensa alla correzione della componente anteriore, costituita dalla postura linguale, correzione che risulta spesso agevole ed incruenta. La ligua, infatti, essendo per gran parte in rapporto con la mandibola, dalla postura mandibolare e quindi dal tipo di occlusione (e di malocclusione) che il paziente presenta, h fortemente condizionata.
L'apnea nel sonno (se non di origine centrale), pur spesso essere un'aggravante dello schema strutturale sfavorevole sopra esposto.
Oltre all'approccio chirurgico, meno indicato nell'adulto, e alla ventilazione assistita, si pur oggi in molti casi optare per l'applicazione , durante la notte, di un dispositivo intraorale simile ad un apparecchio ortodontico, spesso in grado di migliorare o risolvere il problema. Se il dentista é esperto in problemi respiratori nel sonno e se é doptato di laboratorio interno , il dispositivo é realizzabile in circa un'ora e mezza. I costi dipendono dalla professionalità che il dentista ritiene di esprimere, perché il dispositivo in sè influisce poco: l'importante é che, dopo accurata visita, sia scelto bene nella sua tipologia e realizzato in modo da raggiungere lo scopo.
La invito a leggere gli articoli linkati qui di seguito: sono scritti in chiave pediatrica, ma la problematica strutturale e fisiopatologica é praticamente identica anche nell'adulto.
Cordiali saluti

www.studiober.com/pdf/Respirazione_Orale_e_Malocclusione.pdf
(attendere con pazienza quando si vuole aprire il link: è molto pesante)

www.studiober.com/pdf/Tosse_Medico_Pediatra.pdf (attendere con pazienza quando si vuole aprire il link: è molto pesante)
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
84208

dal 2016
Gentile Edoardo,
la ringrazio per la Sua risposta.
Valuteremo insieme al mio compagno la possibilita' dell'apparecchio dentistico tuttavia non crediamo che ci sa un problema di mal-occlusione .
Stiamo valutando terapia laser c02 uvulofaringopalatoplastican¨. Che ne pensa?

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, non posso che pensarne quello che le ho suggerito. A buon senso un intervento totalmente reversibile e privo di rischio dovrebbe per regola generale precedere quello più invasivo e irreversibile, e non viceversa. Senza veder il paziente , inltre, non credo si possa dire di più. Cordiali saluti ed auguri.

altro articolo linkato:
http://www.amnco.it/modules.php
name=Downloads&d_op=getit&lid=15
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
84208

dal 2016
Vorrei avere più pareri qualcun altro esporto può dirmi la sua per piacere? Grazie

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, le conviene riproporre il quesito nella sezione di Otorinolaringoiatria : Difficilmente altro esperto le risponderà qui in Pediatria, già di per se collocazione impropria.
La invito però a considerare che "Lui e' stato gia' operato circa 15 anni fa al setto nasale per una leggera deviazione del setto nasale", evidentemente con scarso successo respiratorio. Lei dice "non crediamo che ci sa un problema di mal-occlusione " ma se il naso è "storto", difficilmente nel condominio naso-bocca il piano inferiore è "dritto".
Non trascuri di consultare anche un dentista esperto in problemi del sonno.
Cordiali saluti e auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com