Utente 273XXX
Salve, ho una bambina di 10 anni e mezzo. Lo scorso 18 settembre dopo un episodio di vomito è venuta alla bimba una febbre altissima che ha toccato i 40 Tale febbre è durata un giorno intero e non riuscivo ad abbassarla nè con tachipirina da 500 nè con NUROFEN da 200. La febbre è scomparsa di notte dopo una sudata e il giorno dopo la bambina tornava a stare bene anche se il giorno prima con febbre a 40 stava malissimo. Il 19 pomeriggio sono comparse le prime mestruazioni.La bimba pesa 54 kg ed è alta 156 cm. Le mestruazioni sono durate 6 giorni con un flusso normale, senza dolori o altro. Questo il primo ciclo. Ieri giorno in cui il ciclo sarebbe dovuto tornare ho visto che la bambina era pallida, accusava mal di pancia...e poi è arrivata anche la febbre...prima a 38 (dato nurefen alle 11,00) poi alle 14,30 era 39,3 quindi ho chiamato guardia medica e dato tachipirina da 500, ma la febbre invece che scendere è continuata a salire...e fino alle 19 non potevo dare altri farmaci. La febbre è arrivata a 40.9, non vi dico quanto ho fatto con ghiaccio, alcol, crema al timo, olio all'eucalipto...proprio da impazzire..Poi sono arrivate le 19 e ho ridato nurefen alla bambina, ma la febbre non scendeva. Al fine a forza di telefonare anche se di sabato e non in servizio sono riuscita a parlare con la mia Pediatra che mi ha fatto reperire subito BENTELAN da 1,5 che le è stato somministrato alle 23.00 nel tempo in cui cmq la febbre era sempre altissima. Dalle 23 fino alle 3 di notte la bambina è stata sempre male e sempre con ghiaccio ed alcol...poi alle 3,30 circa ha fatto una sudata (non esccessiva) e si è freddata. Sono a chiederVi se è normale che una bambina di 10 anni e mezzo il giorno prima delle mestruazuoni abbia una febbre così elevata e di capire qualcosa in merito, tenuto conto che non aveva mai sentito parlare di niente di simile prima d'ora. Tengo a precisare che si tratta di una bambina molto sensibile e che il fatto dell'arrivo così anticipato delle mestruazioni è stato un po' traumatico.
Ringrazio per la risposta...Tiziana

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
a dirla con Steiner: "la febbre è un fuoco che fa crescere", e la crescita è sempre in qualche modo traumatica. I cambiamenti nel corpo e nella psiche generano stress che può anche manifestarsi con un aumento della temperatura (cosa già fisiologica, entro certi limiti, con il movimento ormonale).

Se la ragazzina durante la febbre beve, suda, urina e non ha altri sintomi associati se non malessere generale, converrebbe una cauta osservazione prima di somministrare alcunché e dare modo alla febbre di fare il suo corso naturale in quanto, raggiunto il picco, tenderà naturalmente a scendere.

Le suggerirei anche una consulenza con un Medico Omeopata in quanto i rimedi che potrà prescrivere per alleviare tali disagi sintomi "ricorrenti", di sicuro non avranno gli effetti collaterali con i farmaci che lei somministra prima di essersi consultata con un medico; non c'è nulla di peggio...che il "fai da te".
La componente d'ansia legata allo sviluppo potrà essere affrontata con l'aiuto psicologico recandosi al consultorio della sua città: senz'altro troverà uno staff adeguato a sostenervi entrambe dato che sento molto ansiosa e sensibile anche lei.

Cordiali saluti ed auguri a sua figlia
Dott.ssa Agnesina Pozzi