Utente 361XXX
Gentile Dottore, la mia bambina di 2 anni e mezzo, dopo un inverno caratterizzato da diverse bronchiti e da una broncopolmonite, dal mese di luglio soffre di febbre alta (a volte tocca quasi i 40°) ricorrente (ogni 15/25 giorni) e completamente asintomatica. Le è stato prescritto, durante un attacco di febbre, un prelievo ed un tampone faringeo che hanno evidenziato
LDH 153 mU/mL 0 460 Cinetico
ESAME EMOCROMOCITOMETRICO
GLOBULI ROSSI 4.04 M/uL 3.2 5.5
EMOGLOBINA 10.9 g/dL 10.0 16.5
EMATOCRITO 32.2 % 36.0 44.0
VOL.CORP.MEDIO MCV 80 73 90
CONT.HB CORP.MEDIO MCH 27.1 Pg 24.0 34.0
CONC.HB CORP.MEDIA MCHC 33.9 g/dL 32.0 37.0
RDW CV 16.7 % 10.0 17.0
PIASTRINE 373 K/uL 100 400
GLOBULI BIANCHI 11.7 K/uL 4.0 10.0
GR.NEUTROFILI 29 % 40 75
GR.EOSINOFILI 2 % 0 6
GR.BASOFILI 2 % 0 2
LINFOCITI 61 % 19 48
MONOCITI 6 % 1 10
OSSERVAZIONI --
VES 58 0 12 eritrosedi
TAMPONE FARINGEO
GERME ''STAFILOCOCCO batteriol.
CARICA MICROBICA AUREO''
NEGATIVO PER STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO DI GRUPPO A.
Il pediatra, dopo aver visionato i referti, ha ipotizzato che potrebbe trattarsi di PFAPA anche se non presenta le caratteristiche principali (afte, faringite, ecc). Mi ha detto di trattarla, oltre che con la Tachipirina, con due compresse al giorno per due giorni di Bentelan 0,5. Effettivamente dopo la prima, o al massimo la seconda, dose di Bentelan la febbre non si ripresenta fino all’attacco successivo.
Escludendo questa febbre ricorrente ed una particolare predisposizione alle bronchiti (ancora non è iniziato l’inverno e già ne ha avuta una), la bambina non ha, apparentemente, altri problemi anche se ultimamente, durante gli attacchi febbrili, lamenta dolori alle gambe, all’altezza delle ginocchia, o ai piedi, sotto la pianta.
Io ho piena fiducia nel mio pediatra ma vorrei sapere cosa ne pensa lei e, soprattutto, se l’uso frequente del Bentelan possa causare dei danni.
Scusi se mi sono dilungata ma volevo dare un quadro completo della situazione.
Attendo fiduciosa una sua risposta. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
C'è un lieve aumento dei globuli bianchi con aumento relativo dei linfociti. Potrebbe essere una forma virale (ad esempio inizio di mononucleosi o un esantema dell'infanzia che si manifesta dopo il decorso naturale e non disturbato del febbrone) ...e allora sconsiglio vivamente l'uso di cortisone ed antipiretici specialmente se la piccola è in buona salute generale, senza altri sintomi, beve, urina, e suda durante la febbre ed ha una normale funzionalità intestinale. Cauta osservazione aspettando che la febbre faccia il suo corso.

Eventualmente, se la cosa si protrae oltre una settimana (tempo necessario alla febbre per espletare il suo compito naturalmente) allora dosare gli anticorpi specifici/ immunoglobuline, test funzionalità epatica

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi