Utente 453XXX
Gentili dottori,
Ho una domanda riguardante l'ittero neonatale.
Mio figlio, nato il 23 aprile, alla sua ottava settimana ha ancora la bilirubina alta.
Presenta ittero fin dalla nascita, e la bilirubina totale è stata registrata nelle seguenti date con i rispettivi risultati:
27 aprile 15mg/dl
28 aprile 14,7mg/dl
3 maggio 9,3mg/dl
24 maggio 9,2mg/dl
13 giugno 9,4mg/dl (quest'ultima é stata registrata in Polonia, dove vivo con il mio compagno, mentre i precedenti esami sono stati fatti nell'ospedale civile e nell'ospedaletto infantile di Alessandria).
Il bambino non è stato sottoposto a fototerapia perché a 10 giorni dalla nascita la bili pareva stesse scendendo.
È nato 3,560kg, ha avuto un calo fisiologico arrivando a 3,330kg e al compimento del primo mese pesava 5,300kg. Venerdì 9 giugno, pochi giorni fa, ne pesava 6,050kg.
Prende esclusivamente latte materno.
Mangia voracemente ogni 2/3 ore, passa intere giornate sveglio, altre dorme di più, orride spesso quando vede i nostri visi, emette versetti contenti, segue gli oggetti con gli occhi, in posizione supina solleva la testa e la mantiene stabile per delle buone manciate di secondi. Insomma, pare un bimbo sano e felice.
Il 24 maggio siamo andati in ospedale per eseguire un prelievo del sangue (tutti gli esami riguardanti la funzionalità epatica e il test di Coombs / nonostante i gruppi sanguigni mio e suo siano compatibili) ma le infermiere non sono state in grado di prendergli la vena. Hanno chiamato il pediatra che ha osservato il bimbo, ha fatto il prelievo del tallone e rilevando 9,3mg/dl ha preferito non fare un test del sangue completo perché troppo invasivo, pensando che essendo un bimbo "mangione", allattato esclusivamente e che ha preso due chili solo nel primo mese, probabilmente la causa dell'itttero è il latte materno.
Il bambino ha fatto inoltre un'ecografia completa dell'addome e esami dell''urine, che non hanno rilevato niente di sospetto, tutto normale.
Ora, il pediatra polacco ci ha chiesto di andare al dipartimento di epatologia infantile di un'ospedale pediatrico qui a Cracovia, dove la dottoressa ci ha chiesto di venire lunedì per essere ricoverati tre giorni per effettuare tutti i test possibili immaginabili, test del sangue completi, ecografia dell'addome e una alla testa, esami di feci e urine; la cosa necessiterà tempo e dovremmo stare in ospedale tre giorni. Ci ha inoltre detto che anche lei pensa si tratti solo di ittero da latte materno ma che per scrupolo è meglio controllare. Nonostante la pena che mi da vedergli "ravanare" nel braccio con un ago e vederlo piangere come un matto, concordo che in effetti è meglio accertarsi che stia bene.
Essendo in effetti un bambino esclusivamente allattato al seno e particolarmente "goloso" è in effetti probabile che questa bilirubina sia dovuta a una sorta di iperalimentazione?
Cosa ne pensate?
Grazie in anticipo della vostra cortese risposta,
Chiara

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
ovviamente in questi casi è utile eseguire gli accertamenti per escludere altre cause di iperbilirubinemia. Certamente, si potrebbe pensare ad ittero da latte materno e in questi casi l'introduzione del latte artificiale comporta un'immediata riduzione dei valori.
Buona giornata.
Dr. Claudio Olivieri

https://www.facebook.com/Claudio.Olivieri.Chirurgo.Pediatrico/