Utente
Salve spero che qualcuno posso aiutarmi o indirizzarmi verso la strada giusta, perché sono veramente esausta.

Ho 20 anni vengo da un adolescenza abbastanza difficile, all'età di 14 anni i miei genitori si separano perche mia madre non ama più mio padre, mio padre si trasferisce al sud dove si crea una nuova vita lavorativa, al età di 18 anni mia mamma mi caccia letteralmente di casa per rifarsi una nuova vita e così vado a vivere da sola con l'aiuto economico di mio padre pur essendo distante.

Trovo un lavoro come commessa dopo qualche mese inizia il mio calvario mi ammalo di frequenti tonssiliti croniche trovando medici incompetenti mi imbottsicono di antibiotici (ogni 4 settimane) e cortisone finché non trovo un chirurgo che dopo un anno decide di operarmi dato che la mia situazione continuava ad aggravarsi.

Dopo l operazione perdo 10 chili, all'inizio la cosa non mi dispiace anche se sono una ragazza normopeso, e li inizia una sorta di difficoltà con il cibo che ora sta migliorando, nel frattempo io continuo ad ammalarmi ogni giorno mi sveglio e ho qualcosa gengive che si gonfiano e creano ascessi, gastrite, dissenteria che si alterna a stitichezza, cistiti ricorrenti sono sempre molto stanca.

Ieri ho fatto la gastroscopia e ho un incontinenza cardiale, ora sto facendo un po tutti gli esami del caso, ma un po tutti mi dicono che tutti i problemi che sto avendo sono legati da un fattore psicologico, io non ce la faccio più mi sembra di avere 80 anni, vorrei vivere come le ventenni normali.

Con il mio ragazzo con il quale sono fidanzata da anni non va molto più bene perché appunto io sono sempre stanca, ho poca voglia di fare e appunto sto sempre male fisicamente, non riesco più a lavorare, ma non posso mollare il lavoro perché ho bisogno di soldi per vivere però sta diventando una tortura, lavorare con forti gastriti o dissenteria o con cistiti o dolori ai denti non è per niente facile e questo succede ogni giorno, io non sto MAI bene, non capisco se ho qualcosa di grave a livello fisico o se la mia mente mi crea tutti questi problemi fisici.

Volevo sentire il mio medico se era possibile mettersi in malattia per un periodo per fare tutti gli accertamenti del caso e provare a fare un periodo tranquillo per cercare di riprendermi perché sento che la corda si sta spezzando, comincio a sentirmi troppo depressa, penso al suicidio o avvolte spero che mentre sto andando a lavoro di fare un incidente o che mi succeda qualcosa.

Scusate le parle brutali ma è la verità, non ne posso più voglio sentirmi bene e ricominciare a vivere, pensare che fino a due anni fa non sapevo nenache cosa fosse un mal di testa, qualcuno mi aiuti con qualche consiglio, i medici con cui parlo sembrano non avere mai voglia di curarmi effettivamente e mi sento molto sola, mi piacerebbe trovare qualcuno che si prenda a cuore il mio caso

[#1]  
Dr. Alessio Congiu

36% attività
16% attualità
16% socialità
VERONA (VR)
VICENZA (VI)
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Gentile utente,

non comprendere da che cosa siano causati alcuni disagi fisici aggiunge stress a quello che già si starebbe vivendo per la presenza di tali disagi. Se in aggiunta a questo si somma la percezione di essere poco seguiti da parte di coloro verso cui ci si affiderebbe in cerca di aiuto, il disagio ne verrebbe ulteriormente amplificato.

Più che comprensibile, dunque, se il suo umore fosse particolarmente basso in questo periodo e se stessero iniziando a comparire i pensieri negativi che ci descrive.

L'invito, in casi simili, è quello di rivolgersi ad un terapeuta che la prenda in carico a 360 gradi, analizzando insieme a lei il momento di forte disagio che starebbe vivendo e lavorando in stretta collaborazione con le altre figure professionali che potrebbe essere utile coinvolgere per escludere la presenza di possibili problematiche mediche.

Nel settore pubblico questo è possibile richiedendo un ciclo di incontri di supporto psicologico direttamente al suo medico di base. Il suggerimento, dunque, potrebbe essere per l'appunto quello di parlarne con lui, affinché lei possa essere indirizzata a personale competente e professionale.

Nell'augurarle di riuscire quanto prima a trovare maggiore serenità e benessere, la saluto cordialmente.

Dr. Alessio Congiu
Dr. Alessio Congiu
Psicologo Clinico
T. +39 345 465 8419
alessio.congiu@hotmail.it