Le allergie stagionali

Dr. Riccardo Ferrero Leone Data pubblicazione: 18 luglio 2011

In arrivo le allergie stagionali: trattiamole con l’Omeopatia!

Potrà sembrare troppo presto ma il segreto per difendersi con successo dalle sindromi allergiche stagionali è di iniziare in anticipo terapie omeopatiche di drenaggio e desensibilizzazione.

Starnuti, lacrimazione, prurito in gola e nel naso, difficoltà respiratorie: si affacciano i sintomi delle allergie stagionali che si manifestano dall’inizio della primavera fino ad autunno inoltrato. I pazienti affetti da sindromi allergiche stagionali sono in continuo aumento ed oculorinite, crisi broncospastiche ed asmatiche nel periodo della fioritura assumono un carattere di tipo epidemico.

I pollini delle graminacee, delle urticacee e delle composite sono tra i principali responsabili delle crisi infiammatorie favorite anche dal clima, dall’inquinamento atmosferico ed ambientale: a tutto questo si sommano gli stimoli di sostanze sensibilizzanti presenti in additivi chimici, in taluni farmaci ed alimenti che uniti a condizioni costituzionali e psicologiche predisponenti rendono multifattoriale I'eziologia del disturbo allergico e a volte di scarsa efficacia il trattamento terapeutico. Il soggetto allergico presenta un’elevata percentuale di immunoglobuline E specifiche, proteine ad azione anticorpale che a contatto con l'allergene inalato (polline) scatenano fenomeni cellulari e biochimici (degranulazione dei mastociti, liberazione di istamina) responsabili della tipica sintomatologia.

Si calcola che in ltalia circa il 10% della popolazione sia affetto da rinocongiuntivite allergica.
I pazienti manifestano più o meno marcatamente prurito ed ostruzione nasale, rinorrea, crisi di starnuti e per l’interessamento congiuntiva­le lacrimazione, bruciore e sensazione di corpo estraneo negli occhi.

L’asma bronchiale allergico nella popolazione generale raggiunge picchi del 5% ed è maggiormente diffu­so tra i bambini. Nel soggetto sensibile al contatto con I'al­lergene segue lo spasmo bronchiale che può durare da alcuni minuti ad alcuni giorni, si alterna a condizioni di pieno benessere e può manifestarsi a carattere episodico oppure continuo, nel tempo, tendente alla cronicizzazione: il pazien­te ha grande difficoltà ad espirare, è ansioso ed agitato. Le crisi, oltre che per esposizione con l'allergene possono manifestarsi in seguito a sforzo fisico, respirando aria fredda o sostanze irritanti (fumo di sigaretta).

La diagnostica delle allergopatie da inalanti si avvale di test di laboratorio che dosano le immunoglobuline E totali e quelle specifiche, e di test cutanei che evidenziano la reattività del soggetto ai singoli allergeni esaminati; nei pazienti asmatici sono indi­cate anche le prove di funzionalità respiratoria che quantifi­cano il deficit polmonare esistente.

La terapia medica uffi­ciale della rinocongiuntivite contempla essenzialmente far­maci antistaminici, decongestionanti e corticosteroidi per uso locale; per l’asma si usano broncodilatatori e cortisoni­ci in combinazione e posologia variabili in relazione alla natura ed alla gravità del quadro clinico.

L'omeopatia nei disturbi allergici utilizza farmaci per le manifestazioni acute e per modificare il terreno allergico del paziente: l'attenuazione della "iperreattività" costituzionale non e però immediata ed è preferibile iniziare la terapia in anticipo sull'epoca della pollinazione. Allium cepa è il farmaco della rinite con crisi di starnuti al mattino, secrezioni abbondanti ed irritanti con forte lacrimazione, che migliora all'aria aperta, peggiora la sera e spesso si accompagna a cefalea; Sabadilla è indicato nella rinite acquosa, con crisi parossistiche di starnuti e prurito in gola; Pulsatilla presenta infiammazione anche della congiuntiva con secrezioni dense, giallastre e non irritanti.

Quando l’interessamento oculare è forte ed il paziente è molto sensibile al freddo umido il farmaco di scelta è Dulcamara, si preferisce Belladonna se la lacrimazione è bruciante e c'è fotofobia: alla terapia per via orale è sempre utile associare Euphrasia in forma di collirio. Le crisi asmatiche sia nella forma acuta che in quella cronica rispondono bene a numerosi farmaci omeopatici sempre che nella prescrizione si rispettino attentamente le caratteristiche individuali, fisiche e psicologiche, le modalità con cui si manifestano gli attacchi, le condizioni di aggravamento e di miglioramento.

Tra i rimedi principali ricordo Arsenicum album, Lachesis, Sulfur, Psorinum, Dulcamara: questi farmaci agiscono favorevolmente sull'infiammazione e sul broncospasmo, ed esercitano una potente azione desensibilizzante. Una corretta terapia omeopatica, supportata quando indicato da prodotti omotossicologici, fitoterapici ed oligoelementi si mostra sempre valida nel ridurre nettamente i fastidiosi sintomi dei disturbi allergici stagionali.

Autore

rferreroleone
Dr. Riccardo Ferrero Leone Perfezionato in medicine non convenzionali, Medico di medicina generale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995 presso Università Studi di Roma La Sapienza.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 46569.

Guarda anche allergie 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Medicine non convenzionali?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati